Skip to Content

Venerabili

Ven. Rosemary Maria Serio

ven-rosa-m-serio-di-b-tenore-tutti-i-diritti-sono-riservati.jpg

La venerabile suor Rosa Maria Serio nacque ad Ostuni il 6 agosto del 1674, da Antonio Serio, medico, e di Francesca Spennati.

Fu battezzata come Romana ed entrò, sedicenne, nel Carmelo di Fasano (al tempo Conservatorio di Terziarie Carmelitane Scalze, intitolato a S. Teresa) Suor Rosa Maria entrò con una sorella maggiore, Maddalena, 

Venerabile Serafina di Dio Fondatrice

serafina.jpg

Suor Serafina di Dio. Una grande caprese

Suor Serafina, il cui vero nome era Prudenza Pisa, nacque a Napoli il 24 ottobre 1621, dal mercante Nicolò Antonio Pisa e dalla sua seconda moglie Giustina Strina.

Nicolò Antonio Pisa veniva da un’antica famiglia caprese ed aveva due fratelli sacerdoti:

Ven. Mariangela Virgili, T.O.Carm

mariagela vigili.jpg

1661  8 settembre: nasce di 7 mesi da Serafino Virgili calzolaio e da Lucia Finis. È la primogenita di molti figli. Viene subito battezzata. Dalle mani di una donna che la reggeva cade nel fuoco senza farsi nulla.

1667  Cade ammalata di febbri di vaiolo ed intestinali e la malattia le dura sei mesi,

Maria di S.Teresa Petijt (1623- 1677)

MariaPetiyt.jpg

Maria Petij (Petyt)

"Nacque nel 1623 nel villaggio di Hazebroch, che oggi si trova in Francia, ma che allora faceva parte dell'Olanda meridionale. Nel 1642-1643, fallito per motivi di salute il tentativo di essere religiosa a Gand, rimase in questa città e si fece terziaria carmelitana.

Venerabili

  • Giovanni Domenico Lucchesi
  • Girolamo Terzo
  • Maria Angela Virgili
  • Miguel de la Fuente
  • Rosa Mª Serio
  • Serafina di Dio
Syndicate content
Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e servirlo fedelmente con cuore puro e retta coscienza impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l’uno all'altro.


by Dr. Radut