Salta al contenuto principale

Gestione dei beni culturali dell’Ordine

Gestione dei beni culturali dell’Ordine
18/2019 – 01 – 04

Un tema di cui si parla poco, ma che ha una rilevanza importante nella vita del nostro Ordine, è la gestione dei beni culturali che abbiamo ricevuto dalle generazioni passate. I nostri conventi, anche quelli di più recente fondazione, sono ricchi di memoria. Biblioteche, archivi, oggetti d’arte e anche di artigianato per uso quotidiano riempiono le nostre case. Tutta questa memoria va conosciuta, conservata e messa a disposizione di tante persone che, in maniera e a titolo diversi, sono interessate a conoscere la nostra storia e la nostra vita.
Per questo, alla fine dello scorso mese di febbraio e nei primi giorni di marzo (27 febbraio – 2 marzo), presso il Centro Internazionale Sant’Alberto di Roma si è svolto un corso di formazione per archivisti, bibliotecari e direttori di musei carmelitani, che ha visto la partecipazione di una trentina di persone, frati O.Carm. e OCD, suore e laici presenti a vario titolo. Le conferenze hanno riguardato aspetti teorici e pratici della gestione degli archivi e delle biblioteche. Molto apprezzate sono state le presentazioni della biblioteca carmelitana di Cracovia e del museo del monastero di Granada. I partecipanti, inoltre, hanno potuto visitare l’archivio storico dell’Ordine e la Biblioteca generale carmelitana, situati presso il CISA, l’archivio corrente presso la Curia generale e la Facoltà teologica del “Teresianum” dei Carmelitani Scalzi con la ricca biblioteca specializzata in spiritualità.
L’iniziativa proposta dall’“Institutum Carmelitanum”, in continuità con quanto già fatto negli anni passati dall’Associazione dei Bibliotecari Carmelitani, è stata molto apprezzata e ci si augura di poter continuare con altri simili incontri.

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.