Salta al contenuto principale

Riconosciuto il martirio di p. Carmelo M. Moyano Linares e 9 compagni

57/2010-06-07

Riconosciuto il martirio di p. Carmelo M. Moyano Linares e 9 compagni Un altro gruppo di martiri carmelitani della persecuzione religiosa in Spagna nel 1936 si aggiungerà a quelli già beatificati della Provincia di Catalogna. Infatti, il Santo Padre Benedetto XVI nel corso dell'udienza concessa il 1° luglio 2010 a S.E.R. Mons. Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato la Congregazione a promulgare,

tra gli altri, il Decreto sul martirio dei Servi di Dio Carmelo Maria Moyano Linares e 9 Compagni, dell'Ordine Carmelitano. Appartenevano ai conventi di Hinojosa del Duque e Montoro della Provincia Betica.
P. Carmelo M. Moyano Linares, già provinciale della Betica, fu ucciso il 23 settembre 1936; prima di lui avevano subito il martirio p. José M. González Delgado, il 27 luglio 1936, fr. Eliseo M. Carmargo Montes, fr. José Luis M. Ruiz Cardeñosa, fr. Antonio M. Martín Povea e il postulante Pedro Velasco Narbona, uccisi il 14 agoso 1936.
A Montoro, il 22 luglio 1936, furono uccisi p. José M. Mateos Carballido, p. Eliseo M. Durán Cintas, fr. Jaime M. Carretero Rojas, e fr. Ramón M. Pérez Sousa.
Per la cerimonia di beatificazione si seguiranno le indicazioni della Conferenza Episcopale Spagnola e della Congregazione delle Cause dei Santi.
Altri due gruppi di presunti martiri attendono il giudizio della Congregazione: quello di Castiglia, seguito dal Postulatore Generale dei Fratelli delle Scuole Cristiane, e quello dell'Arago Valentina, inserito nel più ampio gruppo dei martiri della diocesi di Segorbe-Castellón, dei quali il nostro Postulatore sta finendo di sistemare la Positio.

Vorreste ricevere la newsletter (CITOC Online) nella tua email?

Iscriviti CITOC online


* obbligatorio





Lista Informazioni:

“CITOC Online” è l’e-Newsletter pubblicato dell’Ordine dei Carmelitani. Le notizie, informazioni, articoli, lettere, fotografie e altri materiali offerti alla Citoc diventano sua proprietà..

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.