Skip to Content

B. Francesca d'Amboise, Religiosa (m)

Francoise-dAmboise.jpg
Festa: 
Sabato, 5 Novembre, 2016

Nacque nell'anno 1427, probabilmente in Thouars (Francia). A quindici anni passò sposa a Pietro II, duca di Bretagna, insieme al quale fu incoronata nella cattedrale di Rennes nel 1450. Rimase vedova nel 1457, non volle le seconde nozze, e si orientò anzi verso la vita religiosa. A tale scopo costruì nel 1463 un Carmelo femminile a Bondon, sotto consiglio del Beato Giovanni Soreth, Priore Generale dei Carmelitani. Però il suo ingresso in quel monastero si attuò solo nel 1468. Passò poi nel 1477 al monastero di Nantes, anch'esso sua fondazione.

I documenti ce la presentano nell'ufficio della priora di carattere forte, dotata di materna comprensione e di senso psicologico. Si conserva copia delle sagge esortazioni con cui essa alimentava lo spirito delle sue religiose. A lei si deve l'introduzione della Comunione frequente (quotidiana per le malate) e il quarto voto di stretta clausura. Morì il 4 novembre 1485. Il suo testamento furono le parole più, volte pronunciate in vita: "Su tutte le cose fate sì che Dio sia sempre il più amato!" Il suo culto liturgico fu approvato nel 1863 da Pio IX, in premio dell'attaccamento dei bretoni alla Chiesa cattolica e alla loro duchessa. E' considerata come la fondatrice delle monache carmelitane di Francia. Fu beatificata da Pio IX nel 1866.

 


Scarica PDF

liturgia della messa

5 novembre

BEATA FRANCESCA D’AMBOISE

Religiosa

MEMORIA FACOLTATIVA: O. Carm.

 

Francesca (Thouars?, Francia, 1427 - Nantes, 1485), fu sposa di Pietro II, duca di Bretagna. Dopo la morte del marito, avuti frequenti colloqui col beato Giovanni Soreth, priore generale dei Carmelitani, indossò l’abito dell’Ordine nel monastero di Bondon, che ella stessa aveva fondato; si trasferì poi nel monastero di Nantes, ugualmente fondato da lei. Nell’uffìcio di priora curò sapientemente la formazione delle consorelle. Viene considerata la fondatrice delle Carmelitane in Francia.

ANTIFONA D’INGRESSO

Quello che poteva essere per me un guadagno, l’ho considerato una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo. Fil 3,7-8

COLLETTA

O Dio, tu hai chiamato la beata Francesca d’Amboise a cercare con tutte le forze il regno dei cieli nel servizio a te e alla tua beatissima Madre; concedi anche a noi, che confidiamo nella sua intercessione, di progredire serenamente nel cammino del tuo amore.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

SULLE OFFERTE

Accetta, Signore,
l’offerta del nostro servizio sacerdotale nel ricordo della beata Francesca e concedi che, amandoci gli uni gli altri, formiamo in te una fraternità vera.
Per Cristo nostro Signore.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE

Dice il Signore Dio: «Nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza; nell’abbandono confidente sta la vostra forza». Is 30,15

DOPO LA COMUNIONE

O Padre, con la luce e la forza di questo sacramento
e per l’esempio della beata Francesca,
umile serva del tuo Figlio,
guidaci nelle vie del tuo amore,
conferma l’opera che hai iniziato in noi
e portala a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

AllegatoDimensione
Francesca d'Amboise.pdf231.57 KB
Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.


date2 | by Dr. Radut