Skip to Content

S. Teresa Margherita Redi (OCD), Vergine (m)

Teresa-Margaret-Redi.jpg
Festa: 
Giovedì, 1 Settembre, 2016

Nacque ad Arezzo il 1º settembre 1747 dalla nobile famiglia Redi. Nel 1764 entrò nel monastero delle Carmelitane Scalze di Firenze, cambiando il nome di battesimo Anna Maria con quello di Teresa Margherita del S. Cuore di Gesù. Approfondì la sua vita spirituale e religiosa nella pietà eucaristica e mariana, e nella devozione al S. Cuore intesa come un "rendere amore per amore". Condusse una vita umile e nascosta nell'amore e nell'immolazione di se stessa, e dedita al servizio premuroso e costante verso le sorelle. Morì, stroncata da una peritonite, il 7 marzo 1770. Beatificata nel 1929, venne canonizzata da Pio XI il 13 marzo 1934.

 


Anna Maria nasce ad Arezzo 1747 dalla nobile e celebre famiglia toscana dei Redi, e fin dalla prima infanzia viene educata alla vita di pietà dal giovane e religiosissimo padre.
Dopo aver avvertito una misteriosa parola di Santa Teresa, entra diciassettenne (1764) al Carmelo di Firenze, e prende il nome di Suor Teresa Margherita in onore della principessa Caterina Farnese, che un secolo prima era entrata al Carmelo di Parma assumendo lo stesso nome religioso e morendovi in concetto di santità.


A vent’anni, udendo pronunciare nel corso della liturgia le parole Deus charitas est, ne rimane rapita in modo intensissimo e permanente. Questo suo amore appassionato, unito a un incantevole candore verginale, le guadagna la definizione di neve ardente.


Silenziosa, raccolta e completamente dimentica di sé, sorridente e amabile fra le prove più difficili, servizievole fino a consumarsi anche fisicamente, Teresa Margherita muore nel 1770; non ha ancora 23 anni, ma ha già raggiunto le vette della santità.


Pio XI, che la canonizzò nel 1934, scrisse di lei: Sono queste le anime più pure e più grandi esistenti nella Chiesa, che nella sofferenza, nell’amore, nella preghiera offrono a tutti un aiuto primario con un apostolato silenzioso.

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.


date2 | by Dr. Radut