Skip to Content

Tutti i Santi dell'Ordine (festa)

tuttisanti.jpg
Festa: 
Lunedì, 14 Novembre, 2016

“Come il profeta Elia, anche tutti i Santi del Carmelo sono stati plasmati a una scuola di fuoco spirituale. L’intima relazione dell’Ordine con Maria, poi, trova la sua espressione più vera nell’esperienza d’amore e tale amore rende la storia dell’Ordine un canto di lode al nostro Dio”.

Riceviamo in dono un’immensa schiera di fratelli e sorelle che hanno consacrato la vita a Dio, accogliendo gli insegnamenti del divino Maestro e imitando la sua vita; fratelli e sorelle che si sono impegnati al servizio della Vergine Maria nella preghiera, nella donazione di se stessi secondo lo stile del vangelo, nell’amore per le anime. A volte, tale amore, ha ricevuto il sigillo del sangue.

Li vediamo davanti ai nostri occhi: gli eremiti abitatori del Monte Carmelo, i Mendicanti delle prime comunità medievali, i maestri e i predicatori, i missionari e i martiri; oppure le monache che hanno contribuito a far crescere il popolo di Dio con la misteriosa fecondità della loro vita contemplativa. O ancora le religiose, che hanno reso visibile il volto di Cristo ai fratelli e alle sorelle nel mondo attraverso il loro apostolato negli ospedali o nelle scuole, soprattutto nelle terre di missione. O infine i secolari che vivendo nel mondo hanno saputo incarnare lo spirito del Carmelo. Tutta la Famiglia Carmelitana che già vive nella Patria, guidata  da Maria sua Madre, costituisce tutta la nostra gioia e la nostra lode al Padre del Cielo.

Possono essere santi grandi, che tutta la Chiesa venera e invoca nella sua Liturgia, oppure santi umili, solo da pochi conosciuti fuori dell’Ordine, ma tutti propongono, attraverso la loro vita, il segreto della santità nel rapporto intimo con Dio, che si prolunga poi nell’impegno di ogni giorno nella comunione di fede e di amore con l’Immacolata Madre di Dio, Patrona del Carmelo. Lei è una formatrice insuperabile degli amici di Cristo; con l’abito dell’Ordine li riveste, affinché possano riflettere le sue virtù sia interiormente che esteriormente.

Tutti i Santi carmelitani si sono lasciati plasmare secondo l’immagine della beata Vergine Maria, hanno vissuto in intimità con Lei e sono stati suoi apostoli. E’ da Lei che hanno appreso a vivere in Cristo, a vivere dell’amore di Cristo; da lei si sono lasciati ispirare per consacrare la loro vita alla Chiesa e alle anime. Insomma, la vita della Vergine ha un’importanza assoluta nell’esperienza di tutti i Santi carmelitani.

Preghiamo affinché l’esempio di questi Santi susciti nuove generazioni di fratelli e sorelle santi; tanti che, come loro, vivendo nell’ossequio di Gesù Cristo e servendo a Lui con cuore puro e buona coscienza, sappiano dedicarsi giorno e notte, insieme a Maria, alla contemplazione della Parola e al servizio generoso dell’umanità. Infine chiediamo che questo esempio davvero ci contagi, comunicandoci un amore immenso e concreto per Cristo, per la Chiesa e per il mondo intero.


 

La Chiesa è indefettibilmente santa: Cristo l'ha amata come sua sposa e ha dato se stesso per lei, al fine di santificarla; perciò tutti nella Chiesa sono chiamati alla santità. La Chiesa predica il mistero pasquale nei santi che hanno sofferto con Cristo e con lui sono glorificati, propone ai fedeli i loro esempi che attraggono tutti al Padre per mezzo di Cristo e implora per i loro meriti i benefici di Dio. Oggi in un'unica festa si celebrano, insieme ai santi carmelitani canonizzati, tutti i membri giusti della famiglia del Carmelo di ogni lingua, di ogni razza e di ogni nazione, i cui nomi sono scritti nel libro della vita.

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.


date2 | by Dr. Radut