Skip to Content

Gioia nella comunità contemplativa - Rallegrarsi nella bellezza del Carmelo

Sept5 (261) (Medium).jpg

di Commissione Generale per l’Evangelizzazione e Missione

Meditavo sulla bellezza, e l’ho trovata nel Carmelo… e vi era goia!

Ascoltare la Scrittura

Come fiore di narciso fiorisca; sì, canti con gioia e con giubilo.

Le è data la gloria del Libano, lo splendore del Carmelo e di Saròn.

Essi vedranno la gloria del Signore, la magnificenza del nostro Dio. (Is 35,2)

Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza, che dice a Sion: «Regna il tuo Dio». (Is 52,7).

Ascoltare la Tradizione Carmelitana

 

in tua beltà a contemplarci andiamo;

che significa: facciamo in modo che, per mezzo di questo esercizio di amore, giungiamo in cielo a specchiarci nella tua bellezza. Vale a dire: io sia trasformata nella tua bellezza tanto che, divenuta simile a te, anzi possedendo la tua stessa beltà, ci vediamo tutt'e due in essa. Ciò avvenga in maniera tale che, guardandoci l'un l'altro, ciascuno di noi veda nell'altro la propria bellezza giacché, essendo io già assorbita nella tua beltà, quella dell'uno e dell'altro è tua soltanto.

Così io vedrò te nella tua bellezza e tu me nella tua bellezza, e tu ti vedrai in me nella tua bellezza ed io mi vedrò in te nella tua bellezza. Che io sembri te nella tua bellezza e tu sembri me nella tua bellezza e la mia bellezza sia la tua e la tua sia la mia, così io sarò te nella tua bellezza e tu sarai me nella tua bellezza poiché la tua stessa bellezza sarà la mia.  (San Giovanni della Croce, Cantico Spirituale, 36,5)

Ascoltare la Tradizione della Chiesa

È bene che ogni catechesi presti una speciale attenzione alla “via della bellezza” (via pulchritudinis). Annunciare Cristo significa mostrare che credere in Lui e seguirlo non è solamente una cosa vera e giusta, ma anche bella, capace di colmare la vita di un nuovo splendore e di una gioia profonda, anche in mezzo alle prove. In questa prospettiva, tutte le espressioni di autentica bellezza possono essere riconosciute come un sentiero che aiuta ad incontrarsi con il Signore Gesù. Non si tratta di fomentare un relativismo estetico, che possa oscurare il legame inseparabile tra verità, bontà e bellezza, ma di recuperare la stima della bellezza per poter giungere al cuore umano e far risplendere in esso la verità e la bontà del Risorto. Se, come afferma sant’Agostino, noi non amiamo se non ciò che è bello, il Figlio fatto uomo, rivelazione della infinita bellezza, è sommamente amabile, e ci attrae a sé con legami d’amore. Dunque si rende necessario che la formazione nella via pulchritudinis sia inserita nella trasmissione della fede. (Evangelii Gaudium, 167)

Per riflettere

Richiama alla memoria un’esperienza di bellezza che ha suscitato in te un brivido di bellezza eterna, e condividila con gli altri.

Salmodia (dai Salmi 27, 50 e 96)

Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola io cerco:

 abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita,

per gustare la dolcezza del Signore

 ed ammirare il suo santuario. Salmo 27,4

Da Sion, splendore di bellezza,

 Dio rifulge. Salmo 50,2

Maestà e bellezza sono davanti a lui,

 potenza e splendore nel suo santuario. Salmo 96, 6.

Preghiera

Padre Celeste, ti ringrazio per la presenza che riveli nella bellezza della tua creazione e nella saggezza del tuo Verbo. Ti preghiamo affinché la tua soave presenza nelle nostre vite, attraverso una costante preghiera e un assiduo servizio al prossimo, possa rivelare tutta la bellezza del tuo amore. Amen.

Dossologia

A colui che in tutto ha potere di fare molto più di quanto possiamo domandare o pensare, secondo la potenza che già opera in noi, a lui la gloria nella Chiesa e in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli! Amen. (Ef 3, 20-21)

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.


ocarmpage | by Dr. Radut