Salta al contenuto principale

Gioia nella comunità contemplativa - Rallegrarsi Vivendo In Comunione Con Gesù

di Commissione Generale per l’Evangelizzazione e Missione

Vivere in ossequio di Cristo significa, per me, vivere in comunione con Lui.

Ascoltare la Scrittura

Anzitutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo e di essere trovato in lui. (Fil 3, 8-9)

Ascoltare la Tradizione Carmelitana

Quando pensiamo a Cristo, dobbiamo sempre ricordarci dell’amore con il quale ci ha fatto tante grazie, e di quello, immenso, che ci ha testimoniato Dio col darcene tale pegno. Amore chiama amore, e anche se siamo agli inizi e tanto miserabili, cerchiamo di riflettere sempre su questa verità e di stimolarci all’amore, giacché se il Signore ci facesse una volta la grazia di imprimercelo nel cuore, tutto ci diventerebbe facile, e potremmo in brevissimo tempo e senza alcuna fatica darci alle opere.  (S. Teresa, Vita 22, 14)

“Come carmelitani intendiamo «vivere nell'ossequio di Gesù Cristo e servire a lui fedelmente con cuore puro e retta coscienza». Cristo è presente a tutti noi nella liturgia delle ore e tale presenza giunge al culmine nella quotidiana celebrazione comunitaria dell'Eucarestia. È presente in tutto l'arco della nostra giornata, soprattutto nel continuo contatto e attuazione della Parola di Dio; nella convivenza dei fratelli che ha momenti forti nella comunione dei beni e nel dialogo comunitario; nel mistero di comunione alla volontà del Padre celeste e in tutto l'indirizzo della nostra vita, perché per lui viviamo, operiamo e spettiamo con fiducia la sua venuta”. (V Consiglio delle Province, 1979, in: Pellegrini verso l’autenticità, p. 62, Ed. Emmanuele Boaga, Edizioni Carmelitane, Roma 1993). 

Ascoltare la Tradizione della Chiesa

All'inizio dell'essere cristiano non c'è una decisione etica o una grande idea, bensì l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva. (Deus Caritas Est, 1; Evangelii Gaudium, 7).

A volte perdiamo l’entusiasmo per la missione dimenticando che il Vangelo risponde alle necessità più profonde delle persone, perché tutti siamo stati creati per quello che il Vangelo ci propone: l’amicizia con Gesù e l’amore fraterno.…  Non si può perseverare in un’evangelizzazione piena di fervore se non si resta convinti, in virtù della propria esperienza, che non è la stessa cosa aver conosciuto Gesù o non conoscerlo, non è la stessa cosa camminare con Lui o camminare a tentoni, non è la stessa cosa poterlo ascoltare o ignorare la sua Parola, non è la stessa cosa poterlo contemplare, adorare, riposare in Lui, o non poterlo fare….  E una persona che non è convinta, entusiasta, sicura, innamorata, non convince nessuno. (Evangelii Gaudium, 265-266).

Per riflettere

In che modo sperimento la gioia dell’incontro e della sequela di Cristo? Come comunico questa gioia agli altri?

Salmodia (dal Salmo 1)

Beato l'uomo

    che non segue il consiglio degli empi,

non indugia nella via dei peccatori,

    e non siede in compagnia degli stolti;

ma si compiace della legge del Signore,

    la sua legge medita giorno e notte.

Preghiera

O fiamma viva d’amore, sveglia in me un intenso desiderio di conoscere Gesù e di dedicare me stesso a Lui. Senza, non posso far nulla, e non posso esser nulla. Desta nel mio cuore il desiderio di voler vivere non per me, ma solo per Lui, così che possa donare la mia vita in generoso servizio per tutti coloro che Egli ama. Amen.

Dossologia

Pace ai fratelli, e carità e fede da parte di Dio Padre e del Signore Gesù Cristo. La grazia sia con tutti quelli che amano il Signore nostro Gesù Cristo, con amore incorruttibile. (Ef 6,23-24).

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.