Salta al contenuto principale

Il carisma profetico del Carmelo come servizio al mondo

<p><em>di P. Alberto Neglia, O.Carm</em></p>

Profeta nella prospettiva biblica non è chi parla molto, né un mago che predice il futuro, ma è colui che a fondamento della sua vita pone l'ascolto.

«II Signore ruggisce da Sion e da Gerusalemme fa udire la sua voce» dice il profeta Amos (1,2): ebbene profeta è colui che percepisce questo 'ruggito', questa voce e ne porta dentro il tormento, tra Pindifferenza e, a volte, l'ostilità degli altri.

Quindi a fondamento della profezia c'è l'ascolto di Dio attraverso la parola rivelata, ma anche attraverso l'ascolto della vita, perché Dio parla continuamente, anche attraverso ciò che accade nella storia.

Nel punto d'incontro di questi due fili, la parola di Dio e la vita con le sue ambiguità, realizzato nell'invisibilità della coscienza di un uomo, scoppia la scintilla della rivelazione e dell'appello di Dio.

A partire da questa scintilla il profeta annunzia al popolo, con il proprio vissuto e con la parola, se necessario, il progetto di Dio nella concretezza dell'oggi.

Il Carmelo ha avvertito, nella sua intuizione originaria, ma anche nella sua tradizione più significativa, la voce di Dio come invito ad essere presente nella storia come fraternità contemplativa.

Questa intuizione è espressa nella Regala del Carmelo che chiama i primi eremiti fratres (fratelli) e li invita a “meditare notte e giorno la legge del Signore” in modo che “tutto quello che devono fare sia fatto nella parola del Signore”. Propone, quindi, una fraternità che matura nell'ascolto della Parola e che fa suo il pathos di Dio e lo sguardo di Dio su questo mondo.

Tenendo conto di questa intuizione, il Carmelo sarà ancora profetico per questo nostro mondo se, radicato nella Parola, vivrà uno stile fraterno e se saprà stare in questo mondo in compagnia degli altri assumendosi la responsabilità dei volti che incrocia.

Profezia dell'ascolto

Se la fraternità carmelitana si pone in ascolto, piano piano scoprirà che la parola letta, assimilata, pregata la introduce nella conoscenza del cuore e del volto di Dio. E farà l'esperienza di innamorarsi di questo volto, così come si è manifestato in Cristo Gesù. E una comunità che si innamora del volto, diventa profetica, evangelizza, crea negli altri la nostalgia di Dio e diventa spazio educativo all'ascolto e alla contemplazione.

È penoso che oggi, chi chiede di essere aiutato a inoltrarsi nel mistero di Dio, difficilmente trovi spazio nelle comunità ecclesiali. È urgente, allora, che il Carmelo si dia uno stile di vita che consenta anche ad altri di conoscere ii volto di Dio attraverso l'ascolto della parola e della preghiera.

Questo mi sembra il primo servizio profetico, che il Carmelo, è chiamato ad offrire al nostro mondo.

Profezia della fraternità

Attraverso l'ascolto della parola e delle vicende della vita, il Carmelo avverte che il Dio che incontra è un Dio “nudo”, Crocifisso Risorto, più nudo di tutti i defraudati della nostra storia. Egli non nasconde questa nudità d'amore, nella sua nudità sposa l'umanità nuda.

I fratelli e le sorelle del Carmelo che accolgono questo volto si ritroveranno strappati a una logica dell'indifferenza, e, crescendo nell'inquieta pace di chi lascia che la sua fede si incarni, vivranno un rapporto fraterno e costruttivo tra loro, si sentiranno responsabili di questo mondo, staranno accanto agli oppressi e si impegneranno a Lavorare assieme a loro perché sia a loro riconosciuta la dignità di uomini e di figli di Dio.

Questo cammino è impegnativo e si scontra con l'establishement, per cui non è esente da difficoltà e richiede coraggio e perseveranza. Ma questo cammino è profetico perché dice il desiderio di Dio di vederci crescere tutti come figli suoi e fratelli tra di noi.

shieldOCarm

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.