Skip to Content

Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'universo

Cristo_Re_delluniverso_R.jpg

Celebriamo oggi l’ultima domenica dell’anno liturgico, dedicata alla solennità di Gesù Cristo Re dell’universo. La regalità del Figlio è regalità di amore e servizio, di donazione e misericordia. Chi mai si sarebbe immaginato un re che viene non per essere servito, ma per servire? Che si toglie le vesti e si mette a lavare piedi dei suoi discepoli? Che entra in Gerusalemme in groppa a un asinello dato in prestito? Che per trono sceglie la croce? La regalità di Cristo è diversa in tutto da quella che noi immaginiamo, anche nel giudizio. Quando il Figlio dell'uomo ritornerà sulla terra non ci chiederà quante pratiche religiose abbiamo seguito o a quanti pellegrinaggi abbiamo partecipato, ma quanto abbiamo amato! L’elemento discriminante è la forma concretissima dell’amore: ti sei preso cura di chi ti ho messo vicino? E commovente la concretezza di Gesù: dare da bere e da mangiare, visitare, curare, ospitare, vestire... Sono questi i gesti che fanno la differenza! Cristo è venuto a inaugurare sulla terra il potere dell’amore: è questo ciò a cui dobbiamo tutti aspirare e che troverà la sua pienezza nell’eternità.

Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Questi tre elementi fondamentali del carisma non sono valori separati o senza connessione, bensì strettamente legati l'uno all'altro.


ocarmpage | by Dr. Radut