Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Mercoledì, 31 Agosto 2022 08:26

Celebrando in Casa - XXIII Domenica del Tempo Ordinario

La realtà reale
(Luca 14,25-33)

C'è ben poco di reale nei cosiddetti "reality". Sappiamo che, in realtà, le situazioni e le circostanze sono molto artificiose e piuttosto artificiali. Le persone sono deliberatamente messe in condizione di fallire, le tensioni sono alimentate e i concorrenti sono spesso sfruttati emotivamente e fisicamente.

Il Vangelo di oggi contiene una dose piuttosto pesante di vera realtà su ciò che è necessario per essere discepoli di Gesù.

Le parole di Gesù devono essere lette sullo sfondo della vita del Regno a cui Dio ci sta invitando e del messaggio centrale di Gesù secondo cui dobbiamo mettere Dio al centro del nostro cuore.

Il linguaggio che riguarda il fatto di amare meno i membri della famiglia e persino la nostra stessa vita deriva da un idioma semitico che esprime una preferenza. Se si preferisce una persona o una cosa rispetto a un'altra, si dice che si "ama" la prima e si "odia" la seconda. Il Vangelo non ci chiama a odiare né i nostri parenti né noi stessi.

Quando lasciamo che la presenza di Dio inondi il nostro cuore e la nostra mente, tutti gli altri aspetti della nostra vita, comprese le relazioni, trovano il loro giusto posto. Le relazioni diventano più genuine e meno sfruttate; i beni hanno meno presa su di noi e cominciamo a condividerli più generosamente, il nostro bisogno di potere e di status svanisce.

Fare questo, però, non è facile. Richiede numerose decisioni quotidiane, scegliere di vedere con gli occhi di Dio, di sentire con il cuore di Dio e di agire secondo la visione di Dio per la vita umana: scegliere l'amore al posto dell'odio, la generosità al posto dell'accaparramento, lasciare andare il potere e lo status ed essere realmente al servizio delle nostre sorelle e dei nostri fratelli. Questo è il significato del "portare la croce".

Gesù avverte che si tratta di una via difficile e impegnativa e che il discepolo deve essere lucido e pronto ad assumersi questo compito.

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".