Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: Calendar of Feasts and Memorials

Venerdì, 02 Dicembre 2022 14:12

Beato Bartolome Fanti

5 Dicembre Memoria facoltativa

La sua data di nascita è sconosciuta. Già sacerdote della Congregazione mantovana dei Carmelitani, approvata dal papa dieci anni prima, Bartolome si unì alla confraternita della Vergine che esisteva nella chiesa del Carmelo. Il 1° gennaio 1460 assunse la carica di padre spirituale e restauratore del gruppo. Prese sul serio il suo incarico alla confraternita. Ne scrisse la regola e gli statuti. Fino alla sua morte, avvenuta 35 anni dopo, si sa che si dedicò quasi interamente a questo ministero.

Nelle opere d'arte è solitamente ritratto con un gruppo di novizi ai quali parla con fervore della Santa Eucaristia. Questa era, infatti, la sua particolare devozione insieme a quella per la Beata Vergine, verso la quale professava anche una tenerissima devozione. La tradizione secondo cui il Beato Bautista Spagnoli fu novizio del Fanti non sembra avere alcun fondamento: sembra che il Fanti non abbia mai ricoperto la carica di Maestro dei Novizi e che Baptista Spagnoli abbia fatto il suo anno di noviziato a Ferrara e non a Mantova.

La regola scritta da Fanti per la confraternita è in dodici brevi capitoli. È molto semplice e concisa e il suo stile ricorda la regola data da Sant'Alberto ai primi carmelitani sul Monte Carmelo. Scrisse anche gli statuti della Confraternita del Carmelo e creò un registro degli eventi importanti. Questi scritti, insieme a un esauriente esame introduttivo, si trovano nelle Ephemerides Carmeliticae del 1957.

Nel 1516 il corpo del Beato fu trasferito dalla tomba nella chiesa alla Cappella della Vergine e nel 1598 fu collocato sotto l'altare. Quando nel 1783 il convento fu soppresso, le sue spoglie furono trasferite a San Marco e da lì, quasi dieci anni dopo, alla cattedrale dove sono ancora conservate, in forma incorrotta, nella Cappella della Vergine Incoronata. Il decreto di conferma del suo culto fu ratificato da San Pio X il 18 marzo 1909. La sua festa si celebra il 5 dicembre.

Leggere di più qui

Published in Annunci (CITOC)
Lunedì, 14 Novembre 2022 07:48

Celebrazione de Tutti i Santi carmelitani

14 novembre | Festa

Dal "De Patientia" del B. Battista Mantovano

"Dirò tuttavia qualcosa per spingerti a desiderare di vedere quelle cose che gli occhi mortali non sono in grado di vedere. Tale desiderio, elevando la mente dalle cose terrene a quelle celesti, fa sì che, pur restando ancora terreni e mortali, almeno in parte diventino celesti. Se è vero che là dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore, se il nostro tesoro lo abbiamo in cielo bisogna che sia in cielo anche il nostro cuore. Se è in cielo, ha dimensioni celesti e bisogna che celesti siano i desideri del nostro cuore, mediante l'impegno di meditare cose grandiose e infinite partendo dalle piú piccole." 

Per saperne di più, visitare il sito ocarm.org

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 11 Novembre 2022 13:17

Memoria della Beata Maria Teresa Scrilli

Il 13 novembre l'Ordine dei Carmelitani celebra la memoria della Beata Maria Teresa Scrilli.

La Madre fu profondamente legata alla spiritualità carmelitana che conobbe attraverso la lettura della vita di S. Maria Maddalena de’ Pazzi. Spirito di contemplazione, totale abbandono alla volontà di Dio, profonda unione con Lui furono la caratteristica della sua vita spirituale. La preghiera assunse un aspetto di riparazione delle offese inflitte a Dio, di lode, di gioia nell’intrattenersi con Lui, di unione profonda, di fede. L’ "amore puro" per Dio la spinse all’offerta sempre più generosa per gli altri, "lasciare Dio per Dio", fino a farne un quarto voto: "prestarsi a utilità del prossimo per mezzo dell’istruzione morale, cristiana e civile" delle fanciulle del popolo.

Leggi di più qui

Published in Annunci (CITOC)
Lunedì, 07 Novembre 2022 15:39

Elisabetta della Trinità e San Paolo

L'8 novembre l'Ordine Carmelitano celebra la memoria di Santa Elisabetta della Trinità.

Elisabetta leggeva sempre più spesso San Paolo dall'inizio del 1903, epoca della sua professione. La sua prima maestra delle novizie, Sr. Marie della Trinità, dirà che, da quel momento in poi, Elisabetta si è rifugiata in due autori: Giovanni della Croce e San Paolo. Per quanto riguarda il primo, Elisabetta aveva iniziato immergendosi nelle opere di Giovanni, e solo nel 1902 iniziò a leggerlo con profondità e completezza. Un caso simile si verificò con San Paolo, che all'inizio alimentò la sua mente con citazioni occasionali, come gocce d'acqua scelte, finché non si fusero in un flusso continuo.

San Paolo aveva già avuto una certa influenza su Elisabetta perché nelle sue epistole ci sono frasi suggestive e significative che, incontrandole nella liturgia o nelle omelie o nei libri spirituali, lei aveva fatto subito sue. Ne sono un esempio le parole di Galati, che aveva citato o richiamato negli ultimi mesi prima di entrare al Carmelo e che aveva fatto incidere sul retro del crocifisso della sua professione: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me" (Galati 2,20). Per Elisabetta, che aveva una forte consapevolezza della presenza di Dio, questo passo avrebbe avuto un impatto immediato.

All'inizio del 1904, tuttavia, come già detto, conosceva già abbastanza bene gli scritti di San Paolo. Non citava più un passo che le era capitato di ascoltare durante la Messa di quel giorno, ma mostrava una conoscenza approfondita della lettura. In una lettera a un amico e parente, André Chevignard, che si stava preparando al sacerdozio, fornisce persino un riferimento al capitolo tra parentesi, cosa insolita per Elisabetta e che dimostra un elemento di studio.

Ma soprattutto, rivela il suo interesse per gli scritti di San Paolo nel loro insieme, definendoli collettivamente "le sue magnifiche epistole".

Da Joanne Mosley, "Elizabeth of the Trinity as a Reader of Scripture" in Sentire Cum Ecclesia: A Festschrift in Honour of Christopher O'Donnell, O. Carm. A cura di Patrick Mullins, O. Carm. e Simon Nolan, O. Carm. (Roma: Edizioni Carmelitane, Vocare Deo, 27) 2018.

Per accedere a questa e ad altre pubblicazioni delle Edizioni Carmelitane, visitare il sito: https://carmelitani.com/. Per effettuare un ordine, inviare un'e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per ulteriori informazioni su Santa Elisabetta della Trinità (OCD), Vergine

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 30 Settembre 2022 10:20

Festa di S. Teresa di Gesù Bambino (OCD)

1 Ottobre Festa

Nacque ad Alençon in Francia, il giorno 2 gennaio 1873, da Louis Martin e Zélie Guérin. Dopo la morte della madre, avvenuta nel 1877, Teresa si trasferisce con tutta la famiglia a Lisieux.

Leggi di più

Novena per Santa Teresa di Gesù Bambino

Un'occasione di preghiera e riflessione nel giorno della festa della patrona del Commissariato generale di Santa Teresa di Lisieux e di Sant'Alberto di Gerusalemme, in India.

Guarda qui

Il processo di canonizzazione di Santa Teresa di Lisieux

una rievocazione cinematografica prodotta da Rai-Tre (Televisione italiana)

Guarda qui (in italiano con sottotitoli in inglese)

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 30 Settembre 2022 09:45

In preparazion della pioggia di rose di Santa Teresa

Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo aveva promesso: "Farò scendere una pioggia di rose dal cielo; passerò il mio cielo a fare del bene sulla terra". Molte migliaia di persone ricordano di aver ricevuto rose dopo aver pregato santa Teresa per una qualche intercessione. Può trattarsi di rose vere e proprie, di un biglietto con una rosa o del profumo delle rose. Non importa. Ognuno di essi è considerato un segno del fatto che santa Teresa ha ascoltato la preghiera della persona.

Il Progetto Petali di Rosa Benedetta, gestito dai membri del Coro Flos Carmeli del Monastero di Nostra Signora del Monte Carmelo, è un tentativo di ricordare quella promessa di santa Teresa. Il coro si occupa della musica per la Messa di mezzogiorno del monastero il mercoledì e nei giorni di festa. I membri del coro svolgono altre attività di volontariato presso il monastero.

Hanno notato che dopo le grandi celebrazioni, i fiori nella cappella venivano gettati senza troppe cerimonie nella spazzatura. Intorno al 2018, il sacerdote carmelitano Chris Kulig, che occasionalmente celebra la Messa, ha iniziato a raccogliere i vecchi fiori, a farli seccare e a metterli in sacchetti in ricordo della promessa di Teresa di far scendere le rose dal cielo. La richiesta di petali di rose è cresciuta, così come la lista dei volontari. Il Monte Carmelo forniva i sacchetti. La gente ha fornito i fiori. I membri di Flos Carmeli hanno messo a disposizione la forza delle dita per riempire i sacchetti.

Ben presto non fu più sufficiente. "Abbiamo finito i petali di rosa", ha detto Yolanda Bartley, una delle volontarie più assidue. Ma qualcuno, guidando nella vicina St. Catherine, ha notato un campo di rose di proprietà di un commerciante all'ingrosso. Il venditore era disposto a offrire le rose ad un prezzo scontato per utilizzarle nel monastero. Poi hanno scoperto tre campi di rose presso un vivaio di piante all'ingrosso. Forniscono rose a grandi magazzini come Cosco e Walmart.

Dopo una conversazione con il responsabile delle vendite e una conversazione di quest'ultimo con il proprietario, ai membri del coro è stato detto che potevano avere "tutte le rose che volevamo", ha detto Angie Walledor, un altro membro del coro. Dopo essersi assicurati il permesso di parcheggiare in un parcheggio di una chiesa non cattolica nelle vicinanze (il coro è molto ecumenico nel suo lavoro!), i membri sono scesi nei campi. Dei tre campi di rose, il più piccolo ha circa 30.000 piante.

"Crescono in file come il mais", ha detto Angie. I campi fioriscono ogni due anni, poiché il vivaio ruota tra i campi per mantenere un gran numero di piante da vendere ogni anno.

"È il lavoro di santa Teresa e Madre Maria", ha detto Yolanda. "Non è più una pioggia di rose. È un vero diluvio di rose".

Le piccole confezioni di rose sono pronte per le numerose persone attese al Monastero del Monte Carmelo di Niagara Falls per le celebrazioni del 1° ottobre. Ma dopo che la folla sarà tornata a casa, ci saranno altre rose da raccogliere, togliere i petali, farli asciugare e poi metterli nel sacchettino. Tutto questo è fatto con amore, nel tentativo di ricordare la magnifica promessa di santa Teresa di continuare a fare opere buone sulla terra.

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 30 Settembre 2022 09:22

Teresa di Lisieux celebrata in Canada

Una collaborazione di lunga data tra la Provincia del Purissimo Cuore di Maria e la Società del Piccolo Fiore è stata di grande beneficio per entrambe. Con una filiale negli Stati Uniti e una in Canada, la Società promuove la devozione a santa Teresa di Lisieux. È conosciuta anche con il nome religioso di Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo.

Per la festa della santa, il 1° ottobre, sono attese migliaia di persone da tutto il Canada per visitare il campus del Monastero del Monte Carmelo, dove ha sede la Società canadese del Piccolo Fiore. Sono previsti diversi eventi e opportunità per far sì che i membri della Società e i devoti della Santa trascorrano il giorno della festa in preghiera.

A causa della pandemia di Covid, quest'anno sarà la prima celebrazione del festival di questa portata dal 2019.

La festa prevede la benedizione delle rose nella splendida cappella del monastero. Seguirà una Messa celebrata nella palestra, con ampi spazi per accogliere la folla. Dopo la Messa, ci sarà la benedizione della nuova statua all'aperto di Santa Teresa. La statua, dono dei membri della Società, è realizzata in marmo italiano.

Dopo questi atti solenni, si potrà visitare i giardini e trascorrere una giornata piacevole presso il Santuario di Nostra Signora della Pace, una chiesa parrocchiale con una tradizione di pellegrinaggio per la pace che risale alla mediazione tra Stati Uniti, Messico e altri Paesi dell'America Latina nel 1914. La comunità di Nostra Signora della Pace ospitò i delegati e le loro famiglie alla Conferenza di Pace di Niagara Falls del 1914 (denominata anche Conferenza ABC) per evitare la guerra tra Stati Uniti e Messico.

Le reliquie della santa francese saranno accessibili durante tutta la giornata nella cappella principale del monastero. Nel corso della giornata sarà celebrata una seconda messa nella palestra.

Attraverso le preghiere e le donazioni, i devoti canadesi di santa Teresa collaborano con i Carmelitani e fanno la differenza nella vita delle persone in Canada e nel mondo, secondo il sito web della Società. I membri della Società si uniscono ai Carmelitani nei ministeri del Vangelo e nell'educazione dei giovani che studiano per diventare Carmelitani, adempiendo alla missione di Teresa di "far conoscere e amare Dio fino ai confini della terra" nei modi più concreti della carità e della giustizia.

La Società del Piccolo Fiore continua a sostenere una parte significativa dei costi del programma di formazione della Provincia del Purissimo Cuore di Maria. I giovani che vogliono diventare carmelitani e ministri ordinati nella Chiesa studiano in quattro Paesi delle Americhe: negli Stati Uniti con un programma di pre-noviziato, noviziato e teologia; in Messico con un programma di pre-noviziato; un programma di pre-noviziato e teologia in El Salvador; un programma di pre-noviziato, noviziato e teologia in Perù.

Solo sei anni dopo l'introduzione della causa di santità di Santa Teresa a Roma, i Carmelitani di Chicago celebrarono la prima Novena del Piccolo Fiore nella chiesa di San Cirillo nel 1912. Uno dei Carmelitani, P. Albert Dolan, famoso predicatore e scrittore, fece conoscere il Piccolo Fiore a milioni di persone. Per garantire la continuità dell'opera, nel 1923 fondò la Società del Piccolo Fiore. L'opera di P. Dolan di promuovere la devozione a santa Teresa e la sua spiritualità del cammino dell’infanzia spirituale continua a distanza di quasi 100 anni.

Published in Annunci (CITOC)
Giovedì, 15 Settembre 2022 12:24

Festa di San Alberto di Gerusalemme

17 Settembre Festa

Si conoscono pochissimi fatti sulla nascita di Alberto. I primi dati biografici provengono dai Canonici di Mortara. Alberto entrò in quest'ordine intorno al 1170. Intorno al 1180 Alberto iniziò a sviluppare legami con il papa e la curia romana. Tra il 1181 e il 1183 intraprese due missioni per volere di Alessandro III e Lucio III. L'anno successivo fu nominato vescovo.

Fu vescovo di Vercelli per 20 anni, ma continuò a svolgere attività diplomatica per conto dei papi. Una parte del suo lavoro consisteva nel dirimere conflitti tra popoli o città. Ma fu anche molto attivo nel campo della legislazione e della struttura organizzativa. Infine, avrebbe messo questi doni al servizio degli eremiti del Monte Carmelo.

Nel 1204 i Canonici del Santo Sepolcro elessero Alberto patriarca di Gerusalemme. Papa Innocenzo III aggiunse le responsabilità di legato pontificio per la Terra Santa e il Medio Oriente. Alberto giunse in Palestina nel 1206, risiedendo a San Giovanni d'Acri, poiché Gerusalemme era occupata dai Saraceni. Anche qui Alberto divenne mediatore di varie controversie. In effetti, questo ruolo di mediatore ha portato alcuni a concludere che Alberto si sia legato agli eremiti del Monte Carmelo a causa di una disputa tra i membri.

Quando esattamente Alberto abbia scritto la sua formula vitae per gli eremiti è oggetto di discussione. Questo documento era indirizzato a una persona di nome "B", che la tradizione avrebbe poi chiamato "Brocard". Alberto viene chiamato nell'Ordine Carmelitano "il legislatore" per aver elaborato un documento piuttosto breve che delinea la vita degli eremiti sul Monte Carmelo. La formula vitae di Alberto che diventerà poi la Regola dell'Ordine.

Nel XVI secolo la festa di Alberto veniva celebrata l'8 aprile. Successivamente divenne usanza celebrare la sua festa il 17 settembre. Ci furono tentativi di far proclamare Alberto martire, ma l'Ordine continua a celebrarlo come "vescovo e legislatore del nostro Ordine".

Leggi di più qui

Guarda qui le Riflessioni su Sant'Alberto di Gerusalemme con Fr. Patrick Mullins O. Carm.

Guarda qui l'Intervista con Fr. Patrick Mullins O. Carm, un esperto di Sant'Alberto.

Lista di alcuni libri delle Edizioni Carmelitane su Sant'Alberto di Gerusalemme.

La Regola del Carmelo: Origine, Natura, Significato – Seconda Edizione. Carlo Cicconetti, O. Carm. 

Italiano. 2018. 856 pagine. Euro 59.00.

Un caposaldo della formazione per i membri dell’intera Famiglia Carmelitana oggi come ieri è la Regola.

Alberto Patriarca di Gerusalemme. Tempo – Vita – Opera. Vincenzo Mosca, O. Carm. 

Italiano. 1996. 780 pagine. Euro 50.00.

Il libro si apre con un'ampia panoramica sull'ambiente storico e religioso dei secoli XI-XIII.

The Life of St Albert of Jerusalem – A Documentary Biography – Part 1. Patrick Mullins, O. Carm.

Inglese. 2016. 604 pagine. Euro 45.00.

Il gran numero di documenti esistenti riguardanti il patriarca latino di Gerusalemme Alberto degli Avogadri (1150-1214 circa), risalenti all'inizio del XIII secolo, dimostrano sia il suo impatto sul suo tempo sia il modo in cui la sua vita è stata plasmata dalle circostanze storiche. Diviso in due volumi, ciascuno di dodici capitoli.

The Life of St Albert of Jerusalem – A Documentary Biography – Part 2. Patrick Mullins, O. Carm.

Inglese. 2017. 603 pagine. Euro 45.00.

Questi e altri libri possono essere acquistati direttamente dalle Edizioni Carmelitane o da altri webstore in tutto il mondo.

Clicca qui per accedere alle pubblicazioni delle Edizioni Carmelitane. 

Per effettuare un ordine si può contattare le Edizioni CarmelitaneQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Published in Annunci (CITOC)
Mercoledì, 31 Agosto 2022 10:26

Memoria di S. Teresa Margherita Redi (OCD), Vergine

1 Settembre Memoria facoltativa

Nacque ad Arezzo il 1º settembre 1747 dalla nobile famiglia Redi. Nel 1764 entrò nel monastero delle Carmelitane Scalze di Firenze, cambiando il nome di battesimo Anna Maria con quello di Teresa Margherita del S. Cuore di Gesù.

Per saperne di più

Published in Annunci (CITOC)

26 de agosto

Come la maggior parte del clero P. Jacques rifiutò il giuramento a sostegno di una legge civile approvata unilateralmente, che decretava l'elezione dei vescovi e dei parroci direttamente dal popolo e successivamente approvate dal vescovo o dal Papa. Oltre a questa incriminazione, P. Jacques fu accusato di far parte di un gruppo di emigrati politici che avevano invaso il paese contro i rivoluzionari. Fu arrestato e condannato, insieme a molti altri sacerdoti e religiosi, e costretto all'esilio nella Guinea francese dell'America del Sud. Fu deportato a Rochefort e segregato in una nave prigione.

     Leggi di più

Published in Annunci (CITOC)
Pagina 1 di 6

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".