Menu

carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: Carmelite Saints

Venerdì, 30 Settembre 2022 10:20

Festa di S. Teresa di Gesù Bambino (OCD)

1 Ottobre Festa

Nacque ad Alençon in Francia, il giorno 2 gennaio 1873, da Louis Martin e Zélie Guérin. Dopo la morte della madre, avvenuta nel 1877, Teresa si trasferisce con tutta la famiglia a Lisieux.

Leggi di più

Novena per Santa Teresa di Gesù Bambino

Un'occasione di preghiera e riflessione nel giorno della festa della patrona del Commissariato generale di Santa Teresa di Lisieux e di Sant'Alberto di Gerusalemme, in India.

Guarda qui

Il processo di canonizzazione di Santa Teresa di Lisieux

una rievocazione cinematografica prodotta da Rai-Tre (Televisione italiana)

Guarda qui (in italiano con sottotitoli in inglese)

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 30 Settembre 2022 09:45

In preparazion della pioggia di rose di Santa Teresa

Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo aveva promesso: "Farò scendere una pioggia di rose dal cielo; passerò il mio cielo a fare del bene sulla terra". Molte migliaia di persone ricordano di aver ricevuto rose dopo aver pregato santa Teresa per una qualche intercessione. Può trattarsi di rose vere e proprie, di un biglietto con una rosa o del profumo delle rose. Non importa. Ognuno di essi è considerato un segno del fatto che santa Teresa ha ascoltato la preghiera della persona.

Il Progetto Petali di Rosa Benedetta, gestito dai membri del Coro Flos Carmeli del Monastero di Nostra Signora del Monte Carmelo, è un tentativo di ricordare quella promessa di santa Teresa. Il coro si occupa della musica per la Messa di mezzogiorno del monastero il mercoledì e nei giorni di festa. I membri del coro svolgono altre attività di volontariato presso il monastero.

Hanno notato che dopo le grandi celebrazioni, i fiori nella cappella venivano gettati senza troppe cerimonie nella spazzatura. Intorno al 2018, il sacerdote carmelitano Chris Kulig, che occasionalmente celebra la Messa, ha iniziato a raccogliere i vecchi fiori, a farli seccare e a metterli in sacchetti in ricordo della promessa di Teresa di far scendere le rose dal cielo. La richiesta di petali di rose è cresciuta, così come la lista dei volontari. Il Monte Carmelo forniva i sacchetti. La gente ha fornito i fiori. I membri di Flos Carmeli hanno messo a disposizione la forza delle dita per riempire i sacchetti.

Ben presto non fu più sufficiente. "Abbiamo finito i petali di rosa", ha detto Yolanda Bartley, una delle volontarie più assidue. Ma qualcuno, guidando nella vicina St. Catherine, ha notato un campo di rose di proprietà di un commerciante all'ingrosso. Il venditore era disposto a offrire le rose ad un prezzo scontato per utilizzarle nel monastero. Poi hanno scoperto tre campi di rose presso un vivaio di piante all'ingrosso. Forniscono rose a grandi magazzini come Cosco e Walmart.

Dopo una conversazione con il responsabile delle vendite e una conversazione di quest'ultimo con il proprietario, ai membri del coro è stato detto che potevano avere "tutte le rose che volevamo", ha detto Angie Walledor, un altro membro del coro. Dopo essersi assicurati il permesso di parcheggiare in un parcheggio di una chiesa non cattolica nelle vicinanze (il coro è molto ecumenico nel suo lavoro!), i membri sono scesi nei campi. Dei tre campi di rose, il più piccolo ha circa 30.000 piante.

"Crescono in file come il mais", ha detto Angie. I campi fioriscono ogni due anni, poiché il vivaio ruota tra i campi per mantenere un gran numero di piante da vendere ogni anno.

"È il lavoro di santa Teresa e Madre Maria", ha detto Yolanda. "Non è più una pioggia di rose. È un vero diluvio di rose".

Le piccole confezioni di rose sono pronte per le numerose persone attese al Monastero del Monte Carmelo di Niagara Falls per le celebrazioni del 1° ottobre. Ma dopo che la folla sarà tornata a casa, ci saranno altre rose da raccogliere, togliere i petali, farli asciugare e poi metterli nel sacchettino. Tutto questo è fatto con amore, nel tentativo di ricordare la magnifica promessa di santa Teresa di continuare a fare opere buone sulla terra.

Published in Annunci (CITOC)
Giovedì, 15 Settembre 2022 12:24

Festa di San Alberto di Gerusalemme

17 Settembre Festa

Si conoscono pochissimi fatti sulla nascita di Alberto. I primi dati biografici provengono dai Canonici di Mortara. Alberto entrò in quest'ordine intorno al 1170. Intorno al 1180 Alberto iniziò a sviluppare legami con il papa e la curia romana. Tra il 1181 e il 1183 intraprese due missioni per volere di Alessandro III e Lucio III. L'anno successivo fu nominato vescovo.

Fu vescovo di Vercelli per 20 anni, ma continuò a svolgere attività diplomatica per conto dei papi. Una parte del suo lavoro consisteva nel dirimere conflitti tra popoli o città. Ma fu anche molto attivo nel campo della legislazione e della struttura organizzativa. Infine, avrebbe messo questi doni al servizio degli eremiti del Monte Carmelo.

Nel 1204 i Canonici del Santo Sepolcro elessero Alberto patriarca di Gerusalemme. Papa Innocenzo III aggiunse le responsabilità di legato pontificio per la Terra Santa e il Medio Oriente. Alberto giunse in Palestina nel 1206, risiedendo a San Giovanni d'Acri, poiché Gerusalemme era occupata dai Saraceni. Anche qui Alberto divenne mediatore di varie controversie. In effetti, questo ruolo di mediatore ha portato alcuni a concludere che Alberto si sia legato agli eremiti del Monte Carmelo a causa di una disputa tra i membri.

Quando esattamente Alberto abbia scritto la sua formula vitae per gli eremiti è oggetto di discussione. Questo documento era indirizzato a una persona di nome "B", che la tradizione avrebbe poi chiamato "Brocard". Alberto viene chiamato nell'Ordine Carmelitano "il legislatore" per aver elaborato un documento piuttosto breve che delinea la vita degli eremiti sul Monte Carmelo. La formula vitae di Alberto che diventerà poi la Regola dell'Ordine.

Nel XVI secolo la festa di Alberto veniva celebrata l'8 aprile. Successivamente divenne usanza celebrare la sua festa il 17 settembre. Ci furono tentativi di far proclamare Alberto martire, ma l'Ordine continua a celebrarlo come "vescovo e legislatore del nostro Ordine".

Leggi di più qui

Guarda qui le Riflessioni su Sant'Alberto di Gerusalemme con Fr. Patrick Mullins O. Carm.

Guarda qui l'Intervista con Fr. Patrick Mullins O. Carm, un esperto di Sant'Alberto.

Lista di alcuni libri delle Edizioni Carmelitane su Sant'Alberto di Gerusalemme.

La Regola del Carmelo: Origine, Natura, Significato – Seconda Edizione. Carlo Cicconetti, O. Carm. 

Italiano. 2018. 856 pagine. Euro 59.00.

Un caposaldo della formazione per i membri dell’intera Famiglia Carmelitana oggi come ieri è la Regola.

Alberto Patriarca di Gerusalemme. Tempo – Vita – Opera. Vincenzo Mosca, O. Carm. 

Italiano. 1996. 780 pagine. Euro 50.00.

Il libro si apre con un'ampia panoramica sull'ambiente storico e religioso dei secoli XI-XIII.

The Life of St Albert of Jerusalem – A Documentary Biography – Part 1. Patrick Mullins, O. Carm.

Inglese. 2016. 604 pagine. Euro 45.00.

Il gran numero di documenti esistenti riguardanti il patriarca latino di Gerusalemme Alberto degli Avogadri (1150-1214 circa), risalenti all'inizio del XIII secolo, dimostrano sia il suo impatto sul suo tempo sia il modo in cui la sua vita è stata plasmata dalle circostanze storiche. Diviso in due volumi, ciascuno di dodici capitoli.

The Life of St Albert of Jerusalem – A Documentary Biography – Part 2. Patrick Mullins, O. Carm.

Inglese. 2017. 603 pagine. Euro 45.00.

Questi e altri libri possono essere acquistati direttamente dalle Edizioni Carmelitane o da altri webstore in tutto il mondo.

Clicca qui per accedere alle pubblicazioni delle Edizioni Carmelitane. 

Per effettuare un ordine si può contattare le Edizioni CarmelitaneQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Published in Annunci (CITOC)
Lunedì, 10 Gennaio 2022 13:46

Approvato il nuovo calendario liturgico

Il Vaticano ha approvato un nuovo calendario liturgico per l'Ordine. La Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha notificato del nuovo Calendario Proprio al nostro Ordine il 18 novembre 2021. Il calendario è stato approvato e firmato dagli ufficiali della congregazione il 6 novembre 2021, nella Festa di San Nuno Álvares Pereira.

P. Michael Farrugia, procuratore generale dell'Ordine, ha scritto una lettera che spiega i cambiamenti apportati. Questa lettera e il nuovo calendario, così come altri documenti, sono disponibili sul sito web dell'Ordine.

Sono state apportate alcune modifiche al calendario proprio del 1972 che è stato in uso fino ad ora. La Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha rivisto le date e i gradi delle celebrazioni secondo le norme del 1999.

Il nuovo calendario è diviso in due parti: la prima è destinata alle celebrazioni in tutto l'Ordine, mentre la seconda è un’Appendice destinata esclusivamente alle realtà locali. Nella prima parte sono indicate le date e i gradi delle celebrazioni: solennità, festa e memoria obbligatoria. Quando non è indicato nulla si deve intendere la memoria facoltativa. Per alcune memorie facoltative, poi, viene indicata la celebrazione obbligatoria in determinate province.

Nell’Appendice sono state spostate alcune memorie facoltative, che prima si potevano celebrare in tutto l’Ordine, mentre ora sono permesse in determinati territori. Inoltre, nell'Appendice, vengono indicati le date e i luoghi dove si potranno celebrare queste memorie facoltative.

La lettera di P. Michael e gli altri documenti lo spiegano in modo più approfondito:

Leggi pdf qui (121 KB) la Lettera all'Ordine, di Michael Farrugia O. Carm.

Leggi pdf qui (42 KB) il Decreto sul Calendarium proprium

Leggi pdf qui (16 KB) l'Approvazione del Calendarium proprium

Leggi pdf qui (68 KB) il Calendarium proprium

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 07 Gennaio 2022 22:25

Festa di San Pier Tommaso, vescovo

L' 8 gennaio si celebra la festa di San Pier Tommaso.

A vent'anni San Pier Tommaso entrò nell'Ordine del Carmelo. Esercitò l'ufficio di Procuratore Generale dell'Ordine presso la Curia papale ad Avignone e succesivamente quello di predicatore apostolico, e fu nominato nel 1354 vescovo di Patti e Lipari.

Svolse le funzioni di legato pontificio presso re e imperatori del tempo per consolidare la pace e promuovere l'unione con le Chiese Orientali.

Leggi di più qui

Published in Annunci (CITOC)
Martedì, 14 Dicembre 2021 08:26

Festa di San Giovanni della Croce

San Giovanni è nato, probabilmente nel 1540, a Fontiveros, vicino ad Avila in Spagna.

Come dice San Giovanni - per arrivare al Tutto che è Dio, è necessario che l'uomo dia tutto se stesso, non come uno schiavo ma ispirato dall'amore.

Canonizzato da Papa Benedetto XIII il 27 dicembre 1726, fu proclamato dottore della Chiesa da Pio XI il 24 agosto 1926.

Leggi pdf qui (63 KB) "Chi è San Giovanni della Croce per me?", di Suor Hernalyn U. Rebuton, INSC.

Guarda qui l'intervista con il Dr. John D. Love, S.T.D., sull'attualità di San Giovanni oggi.  L'audio originale è in inglese e i sottotitoli automatici in italiano possono essere attivati su YouTube.

Leggi di più qui

Published in Annunci (CITOC)
Venerdì, 03 Dicembre 2021 07:59

Beato Bartolomeo Fanti, carmelitano

Il 5 dicembre celebriamo la memoria del Beato Bartolomeo Fanti.

Per 35 anni Bartolomeo Fanti fece parte della Confraternita di Nostra Signora nella chiesa carmelitana di Mantova. Il 1° gennaio 1460 divenne direttore spirituale e rettore della confraternita, scrivendone la regola e gli statuti. È chiaro che si dedicò completamente a questo ministero fino alla sua morte.

Tale era la sua devozione all'Eucaristia che viene evidenziata dai suoi biografi insieme a quella della sua profondissima devozione verso la Vergine Maria. Un'immagine popolare del Beato Bartolomeo lo mostra mentre spiega l'Eucaristia a un gruppo di novizi, tra cui il Beato Battista Spagnoli, seduto in prima fila. Altri biografi sottolineano la sua straordinaria efficacia nella predicazione.

Tali affermazioni che il Beato Battista Spagnoli fosse un novizio di Fanti sembrano essere errate per un paio di ragioni. Non ci sono indicazioni affidabili che Fanti abbia servito come direttore dei novizi e Spagnoli trascorse il suo primo anno nel 1463-1464 a Ferrara e non a Montova.

La Regola per la Confraternita consiste in 12 capitoli scritti da Fanti. Egli usa uno stile molto semplice e conciso che alcuni dicono essere indicativo del Primo Ordine dei Carmelitani. Scrisse anche un registro dei fatti degni di nota.Questi scritti sono stati pubblicati, con un testo introduttivo esaustivo, da Graziano di Santa Teresa.

Fanti morì nel 1495. Nel 1516 il suo corpo fu trasferito dalla sua tomba alla cappella della Chiesa alla Madonna. Nel 1598 il suo corpo fu posto sotto l'altare. In seguito alla chiusura della casa, nel 1783, il suo corpo fu trasferito a San Marco, e da lì, dopo circa 10 anni, alla cattedrale dove rimane oggi, incorrotto, nella cappella della Madonna incoronata.

Preghiera

Signore Dio,
hai reso il beato Bartolomeo Fanti
eccezionale nel suo zelo per la devozione all'Eucaristia
e alla Beata Vergine Maria.
Fa' che noi possiamo sperimentare a questo proposito
la stessa pienezza di spirito che fu sua.
Lo chiediamo per Cristo, nostro Signore.

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Venerdì, 12 Novembre 2021 16:15

Commemorazione di tutti i defunti dell'Ordine

Il 15 novembre ricordiamo tutti i fratelli, le sorelle e i laici che hanno fatto parte del nostro Ordine. Con la nostra preghiera supplichiamo il Signore che, per l'intercessione di Maria, che è segno di sicura speranza e consolazione, siano accolti nel Carmelo della gloria. Che ci ottengano dal Signore e dalla Madre amorosa del Carmelo di poter vivere il nostro carisma in santità.

Da la Colletta della Commemorazione di Tutti i Defunti del Nostro Ordine

Accogli, o Padre,
nella pace della tua casa
i nostri fratelli e sorelle defunti
che per mezzo del Battesimo e dei santi voti
hai reunito nella famiglia del Carmelo
al servizio di Cristo e di Maria nostra Madre;
e fa’ che contemplino in eterno te,
loro creatore e redentore.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio,
che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.
Amen.

Leggi pdf qui (136 KB) la lista dei carmelitani deceduti negli ultimi 12 mesi.

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Venerdì, 12 Novembre 2021 13:15

Memoria della Beata Maria Teresa Scrilli

Il 13 novembre celebriamo la memoria della Beata Maria Teresa Scrilli.

Maria Scrilli, in religione Maria Teresa di Gesù, nacque a Montevarchi il 15 maggio 1825 e fu chiamata dal Padre celeste a Firenze il 14 novembre 1889.

È stata beatificata a Fiesole (Firenze) l'8 ottobre 2006.

La Madre era una devota della santa fiorentina Maria Maddalena de' Pazzi che conobbe quando era ancora adolescente leggendo le vite dei santi.

È la fondatrice della Congregazione delle Suore Carmelitane.

Il carisma di Madre Maria Teresa vive nel suo Istituto nelle nazioni dove è presente oggi: Italia, Stati Uniti, Canada, Polonia, India, Brasile, Repubblica Ceca e Filippine.

Preghiera alla beata Maria Teresa Scrilli

Dio onnipotente ed eterno,
che nella beata Maria Teresa Scrilli,
tutta dedita alla preghiera e alla cura dei giovani e dei poveri,
ci hai dato un modello di santità e di carità,
concedici per sua intercessione
di lavorare per Te in questo mondo per poi riposare con te in cielo.
Per il nostro Signore. Amen.

Leggi pdf qui (62 KB) l'intervista sulla Beata Maria Teresa Scrilli a Suor Maria Stella Marzano, Superiora Generale della Congregazione delle Suore Carmelitane Istituto di Nostra Signora del Carmelo

Leggi pdf qui (50 KB) "La presenza di Maria Scrilli in questo arduo cammino", di Suor Stephanie Gadalquivir, INSC

Leggi pdf qui (31 KB) "Cittadini del Cielo", di Suor Lini Mathew, INSC

Leggi qui una breve scheda biografica della Beata Maria Teresa Scrilli

Visita qui per acquistare l'autobiografia di Maria Teresa Scrilli (disponibile solo in inglese), pubblicata da Edizioni Carmelitane

Published in Annunci (CITOC)

Oggi celebriamo la memoria di Santa Elisabetta della Trinità (al secolo Elisabetta Catez).

Elisabetta Catez nacque il 18 luglio 1880 nel Campo d'Avor presso Bourges (Francia), e fu battezzata quattro giorni dopo.

Il 2 agosto 1901 entrava nel Carmelo di Digione dove l'8 dicembre 1901 vestì l'abito religioso. I cinque anni della sua vita religiosa furono una continua ascesa verso Dio ed il Signore purificò la sua anima con sofferenze spirituali, e con sofferenze corporali attraverso il terribile morbo di Addison che la portò alla morte. Morì il 9 novembre 1906 all'età di ventisei anni, al Carmelo di Digione, in Francia.

Il 16 ottobre 2016, Papa Francesco l'ha dichiarato santa.

Preghiera alla Trinità, da S. Elisabetta della Trinità

Mio Dio, Trinità che adoro,
aiutatemi a dimenticarmi interamente,
per fissarmi in voi, immobile e quieta come se la mia anima fosse già nell’eternità;
che nulla possa turbare la mia pace o farmi uscire da voi, mio immutabile Bene,
ma che ogni istante mi porti più addentro nella profondità del vostro mistero.
Pacificate la mia anima,
fatene il vostro cielo, la vostra dimora preferita e il luogo del riposo;
che io non vi lasci mai solo, ma sia là tutta quanta, tutta desta nella mia fede,
tutta in adorazione, tutta abbandonata alla vostra azione creatrice.

O mio amato Cristo, crocifisso per amore,
vorrei essere una sposa del vostro Cuore;
vorrei coprirvi di gloria e vi chiedo di rivestirmi di Voi stesso,
di immedesimare la mia anima con tutti i movimenti della vostra Anima,
di sommergermi, d’invadermi, di sostituirvi a me,
affinché la mia vita non sia che un’irradiazione della vostra vita.
Venite nella mia anima come Adoratore, come Riparatore e come Salvatore.

O Verbo Eterno, Parola del mio Dio, voglio passare la mia vita ad ascoltarvi;
voglio farmi tutta docilità per imparare tutto da voi.
Poi, attraverso tutte le notti, tutti i vuoti, tutte le impotenze,
voglio fissare sempre Voi e restare sotto la vostra grande luce.

O mio Astro amato,
incantatemi, perché non possa più uscire dallo splendore dei vostri raggi.

O Fuoco consumatore, Spirito d’amore,
scendete sopra di me,
affinché si faccia della mia anima come un’incarnazione del Verbo,
ed io sia per Lui un’aggiunta d’umanità nella quale Egli rinnovi tutto il suo mistero.

E Voi, o Padre,
chinatevi sulla vostra piccola creatura,
copritela con la vostra ombra, e non guardate in lei che il Diletto
nel quale avete riposto tutte le vostre compiacenze.

O miei TRE, mio Tutto,
mia Beatitudine, Solitudine infinita, Immensità in cui mi perdo,
mi consegno a Voi come una preda.
Seppellitevi in me, perché io mi seppellisca in Voi,
in attesa di venite a contemplare, nella vostra luce,
l’abisso delle vostre grandezze.

Per saperne di più, clicca qui

Elisabeth of the Trinity 1 450

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Pagina 1 di 3

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".