carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Displaying items by tag: prior general

Il Priore Generale dei Carmelitani, Míċéal O'Neill, O. Carm. è stato eletto nel comitato esecutivo dell'Unione dei Superiori Generali (USG). Sarà lui a rappresentare gli ordini mendicanti. P. Míċéal è stato anche selezionato come uno dei membri della cosiddetta Commissione dei Sedici.

Il Comitato esecutivo è responsabile delle decisioni ordinarie dell'Unione e dell'attuazione delle risoluzioni dell'Assemblea. La Commissione dei Sedici è composta da otto religiosi e otto religiose. Essi hanno il compito di dialogare formalmente con la Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Associazioni di Vita Apostolica periodicamente.

I membri hanno anche eletto P. Arturo Sosa S.J., per un secondo mandato come presidente dell'USG. I nuovi eletti servono per il periodo 2021-2024.

L'USG è stato creato "per promuovere la vita e la missione dei singoli istituti al servizio della Chiesa, per una più efficace collaborazione tra loro e per un più proficuo scambio con la Santa Sede e la gerarchia". I suoi membri sono i superiori generali degli Istituti religiosi maschili o delle Società di vita apostolica di diritto pontificio. Nella pratica si tratta di un forum volontario per lo scambio di informazioni e l'accompagnamento.

La 96a Assemblea dell'organizzazione si è tenuta dal 24 al 26 novembre 2021, presso la Fraterna Domus, struttura dell'Associazione Volontari del Servizio Sociale Cristiano.

USG Conference 1 450

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Mercoledì, 14 Luglio 2021 10:56

Video Messaggio Festa Madonna del Carmine 2021

P. Míceál O'Neill, O.Carm., Priore Generale, invita tutti i membri della Famiglia Carmelitana a celebrare con gioia e nella preghiera la Festa di Nostra Signora del Monte Carmelo.

Guarda

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Mercoledì, 23 Dicembre 2020 04:49

Un messaggio per Natale

Buon Natale a tutti. E arrivato il momento per augurare a Frati Carmelitani, Monache Carmelitane, Religiose Carmelitane, religiosi carmelitani della vita apostolica, laiche e laici Carmelitani in tutto il mondo, a nome mio, e a nome del Consiglio Generale dei frati, un Buon Natale, e un Felice Anno Nuovo.

Le circostanze cambiano, ma il messaggio di Natale non cambia mai. “Il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi”. E il messaggio che ogni anno rinnova le nostre anime e i nostri spiriti. Gesù è venuto come salvatore e fratello di tutti. Il Natale quest’anno, 2020, ci trova più poveri, più malati, più impauriti, ma anche più forti e incoraggiati da quello che abbiamo visto della vera bontà delle persone che ogni giorno sacrificano la propria vita per il bene degli altri nelle circostanze cosi difficili causate dal Coronavirus. E non è tutto. Da una parte assistiamo sempre di piu alle morti violenti, morti nel mare, morti per la criminalità, morti per la fame o per la guerra, ma dall’altra parte c’e la testimonianza di coloro che salvano la vita, rispettano la vita, fanno di tutto perché la vita sia vissuta in forma piena e degna da tutti. Diamoci il regalo quest'anno di un Natale più semplice, più puro, piu evangelica, piu nutrita di preghiera, più sensibile ai bisogni degli altri: dei poveri, dei malati, dei migranti, di coloro che non hanno una casa né per sé stessi né per la loro famiglia. Affidiamoci gli uni gli altri e l'umanità intera all’amore tenero di Maria e di Giuseppe al momento di accogliere il dono di Gesù, Dio fatto uomo che ci unisce in una sola famiglia, con una sola voce che con gli angeli canta, “Gloria a Dio nell'alto dei ciel e pace in terra tra tutti quelli e tutte quelle che il Signore ama”. Il Dio della pace, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, in questi giorni santi, dia a ciascuno e ciascuna l’abbondanza della sua pace e della sua gioia. Amen.

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Martedì, 08 Dicembre 2020 04:07

Il Patrocinio di San Giuseppe sul Carmelo

Lettera dei Superiori Generali O.Carm. e O.C.D. alla famiglia carmelitana nella ricorrenza del 150esimo anniversario della proclamazione del patrocinio di san Giuseppe sulla Chiesa universale.

La festa di san Giuseppe di quest’anno 2020 l’abbiamo celebrata nel pieno di una pandemia, che ci ha costretti a restare chiusi nelle nostre case. Ma proprio in questi momenti abbiamo sentito ancora più forte il bisogno di rivolgerci a quell’uomo giusto e fedele, che ha conosciuto la fatica, l’esilio, la preoccupazione per il domani, senza perdersi d’animo, continuando a credere e a sperare in Dio, che gli aveva affidato una missione unica: custodire Gesù e Maria, la famiglia di Nazareth, il germoglio della nuova famiglia che Dio donava al mondo. Papa Francesco, nell’omelia a Santa Marta, ci ha ricordato le qualità di san Giuseppe: l’uomo della concretezza, capace di svolgere il suo mestiere con precisione e professionalità, ma al tempo stesso l’uomo che entra nel mistero di Dio, al di là della sua conoscenza e del suo controllo, di fronte al quale si prostra in adorazione.

Scarica qui sotto:

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Mercoledì, 02 Dicembre 2020 14:28

Priori Generali precedenti

Published in General Curia
Tagged under

Lettera ai Frati Carmelitani, alle Sorelle Contemplative, ai Fratelli e Sorelle delle Congregazioni di Vita Apostolica, ai Membri del Terz’Ordine Carmelitano, ai Laici Carmelitani e a tutti coloro che celebrano con devozione speciale la Festa della Madonna del Monte Carmelo

Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore (Lc 2,51).

Cari Fratelli e Sorelle nel Carmelo,

in questo giorno di festa, mentre ci rallegriamo per essere fratelli e sorelle della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, raggiungo ciascuno di voi nel vincolo dell’amore. In questi giorni stiamo pensando molto, meditando come Maria, a tutto ciò che sta accadendo nel nostro mondo. Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore (Lc 2,19) e ponderando su ciò che stava succedendo nel suo mondo, Ella trovò la volontà di Dio. Maria la contemplativa, Maria la piena di grazia, piena di Dio, piena di Vangelo: questo è il tipo di persona che può rispondere a ciò che sta accadendo nel mondo di oggi.

In questo periodo di confino, è possibile che noi, persone con un senso di Dio e capaci di meditare, abbiamo trovato, in queste nuove condizioni, nuove opportunità di solidarietà e di evangelizzazione nel mondo. Eccoci di fronte a nuove manifestazioni della volontà di Dio che ci aiutano a crescere e a maturare come custodi del nostro mondo e gli uni degli altri.

Siamo cresciuti insieme nelle nostre comunità. Costretti a rimanere in casa, abbiamo così scoperto tante verità sulla nostra fede e sulla nostra vocazione Carmelitana, meditando da soli o con gli altri. Mentre alcuni di noi hanno sempre avuto l’Eucaristia, altri hanno dovuto fare affidamento a Internet e recitare le preghiere per la comunione spirituale. Tutto ciò ha sollevato domande su come apprezziamo l’Eucaristia. Per le persone che normalmente celebrano l’Eucaristia ogni giorno, è stato difficile adattarsi alla sua assenza. Per le persone che erano fedeli all’Eucaristia domenicale, è stato qualcosa di molto nuovo dire che non dovevano andare a Messa. Quando torneremo alla normale celebrazione dell’Eucaristia, può darsi che lo faremo con maggiore convinzione e comprensione, a motivo di ciò che divenne un digiuno eucaristico.

Da molti mesi, ormai, viviamo con restrizioni e con un po’ di paura. Le famiglie sono in lutto. Gli ospedali si stanno ancora occupando delle vittime del virus; medici, infermieri, tutto il personale e l’apparato sanitario hanno dimostrato tutta la loro dedizione, professionalità e zelo, al di là del dovere. Le persone hanno fatto sacrifici per assicurarsi che ci fosse il pane sulle nostre tavole e, come ovunque, le persone stanno facendo i conti con la propria vita, del duro prezzo da pagare dopo le perdite dei propri cari, con la malattia, con la perdita del lavoro e dei mezzi di sussistenza. Potremmo dire che stiamo assistendo a un’esplosione di umanità.

Se fosse tutto alle nostre spalle, potremmo avere una visione diversa; ad ogni modo, - ora che stiamo imparando a convivere con il virus e cerchiamo di non cadere nella paura che sia in arrivo qualcosa di più serio - tutti dobbiamo chiederci come possiamo prenderci cura gli uni degli altri, come dobbiamo agire in futuro, come limitare gli effetti negativi di questo virus per creare una società in cui non siamo vincolati dalla paura e nessuno è lasciato nel bisogno? Potrebbe essere semplicemente una questione di cura e condivisione.

Ardo di zelo per il Signore (1Re 19,10).

Generare, prendersi cura e proteggere sono alcuni dei carismi che vediamo in Maria, la Madre di Dio e nostra Madre. Mentre penso alle varie comunità carmelitane di uomini e donne in tutto il mondo, sono colpito da quanto questa Festa sia importante per tutti noi. In alcuni luoghi è solamente il giorno stesso, in altri sono i tre giorni del Triduo di riflessione e preghiera e in altri ancora sono i nove giorni interi della Novena. Le celebrazioni sono intrise di calore, devozione e di convinzione che ci fanno pensare che forse questo è un momento in cui noi carmelitani siamo più zelanti.

Il mondo di oggi ci chiede di essere pieni di zelo. Nel corso dei secoli, i Carmelitani hanno fatto eco e ripetuto le parole del Profeta Elia, “Ardo di zelo per il Signore Dio degli eserciti” (1Re 19). La nostra Celebrazione della Solennità della Madonna del Monte Carmelo potrebbe essere un ottimo momento per rinnovare, ravvivare e dirigere il nostro zelo. Quattro giorni dopo, avremo un’altra opportunità: quando celebreremo la Solennità del Profeta stesso.

Lo zelo è un dono. E come tale, dobbiamo pregare per ottenerlo. Dobbiamo chiedere a Dio di darci zelo, di renderci chi diciamo di essere. Tuttavia, lo zelo non è sempre una parola attraente; esso, a volte, suggerisce l’estremismo e non sentiamo automaticamente che vogliamo questo dono. Ricordo lo zelo di Giovanni Battista, la voce che grida nel deserto e che viveva di locuste e miele selvatico (Mc 1,6) e lo paragono alla calma di Gesù quando parla alle persone nella Sinagoga (Lc 4,21-22). Penso al Vangelo, dove vediamo Cristo sulla Croce, con Maria e Giovanni ai suoi piedi. Questi sono tutti momenti di zelo, dove, per zelo, intendiamo un cuore che arde di desiderio per tutto ciò che è buono e con uno spirito che lavora duramente e fa sacrifici per ottenerlo. La globalizzazione dello zelo potrebbe essere l’antidoto alla globalizzazione dell’indifferenza di cui Papa Francesco parla così spesso.

Secondo il bisogno di ciascuno (At 2,45)

Viste le esigenze reciproche, ci rendiamo conto che stiamo entrando in una nuova era di condivisione. All’interno della nostra Famiglia, siamo consapevoli che le comunità hanno perso alcune delle loro entrate. Tra i laici carmelitani ci sono coloro che hanno perso il lavoro e le cui case possono essere pignorate. I nuovi progetti nella nostra Famiglia avranno sempre bisogno di finanziamenti. Di fronte alle necessità che stanno emergendo, dobbiamo rivedere il modello della prima comunità cristiana, un’immagine e una realtà che hanno ispirato la Regola carmelitana. Quella comunità si descrive cosi, “erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno”. (At 2,42-45). Man mano che ci rendiamo conto dei bisogni reciproci e se nessuno deve esserlo lasciato nel bisogno: possiamo dunque aiutarci a vicenda ed essere un esempio per gli altri, di quel tipo di condivisione che in futuro sarà necessaria alla nostra società. Mi viene in mente il dialogo nel Vangelo di Giovanni (Gv 6,9-10) ove Andrea disse: “C’è qui un ragazzo con cinque pani d’orzo e due pesci, ma che cosa è questo per tanta gente?” Alla fine, nessuno fu lasciato nel bisogno. Nel nostro zelo per le cose del Vangelo, dobbiamo affrontare questa sfida con la saggezza di Maria alle nozze di Cana: “Fate quello che vi dirà” (Gv 2,5).

La Solennità di quest’anno sarà diversa da quella degli altri anni. Come una famiglia, siamo stati risparmiati, in diversi modi, ma non dimentichiamo coloro che sono morti in Olanda e in Italia. Lasciamo che la Celebrazione di quest’anno sia contrassegnata dalla nostra preghiera per le persone, le famiglie e le comunità che hanno subìto gli effetti peggiori del Coronavirus.

In questa Festa ognuno possa sentire di nuovo le parole pronunciate da Gesù in croce: “Ecco tuo figlio”, “Ecco tua madre”, (Gv 19,26-27) e sappia che, così come il nostro Salvatore ci ha consegnati gli uni agli altri e a Maria, possiamo anche noi sapere come prenderci cura gli uni degli altri nella casa comune che è benedetta dalla presenza di Maria nostra Madre e Sorella.

Míceál O’Neill
Priore Generale

Tagged under

As the Feast of Our Lady of Mount Carmel is approaching, the Prior General sends a short video message to the Carmelite Family expressing his best wishes and inviting all members to celebrate the Feast with humility and gratitude.

Published in Annunci (CITOC)
Tagged under
Lunedì, 04 Maggio 2020 00:00

La festa di Sant’Angelo di Sicilia

Cari fratelli e care sorelle,

mi unisco oggi alle tante persone che celebrano la festa di Sant’Angelo di Sicilia e, come primo pensiero, chiedo la protezione di Sant’Angelo per il nostro mondo che cerca di convivere con il corona virus.

Che il Santo di Sicilia protegga noi e il mondo intero come in passato ha protetto la città di Licata.

Oggi iniziamo le celebrazioni dell’ottavo centenario della sua morte e questo vuol dire che Sant’Angelo è rimasto nella devozione della gente per ben otto secoli. Questa ricorrenza è stata il motivo del ritorno dei frati Carmelitani al Santuario di Sant’Angelo a Licata. Ringrazio il Cardinale Arcivescovo di Agrigento, Francesco Montenegro per il suo invito e per averci facilitato nel ritorno dei miei confratelli a Licata.

Sant’Angelo da Gerusalemme rimane nella memoria e nella devozione del popolo, come religioso carmelitano, come martire e come testimone del Vangelo.

Carmelitano

Nato a Gerusalemme, Angelo conobbe la prima generazione dei carmelitani, quel gruppo di persone che si stabilì sul Monte Carmelo e che ricevette la Regola del Carmelo dal Patriarca Alberto di Gerusalemme. La figura di Gesù Cristo pervade quella Regola. Il carmelitano che la segue vive la sua vita in “ossequio di Gesù Cristo” e indossa “l’armatura di Dio”. Segue il Vangelo di Cristo e si veste delle virtù di Dio, quali la giustizia, la fede, la salvezza e la Parola del Signore. L’armatura da una parte ci protegge da ogni male e dall’altra parte propone la verità del Vangelo. Permeato di questa carica Angelo lascia il Medio Oriente e si dirige verso l’Europa. Arriva in Sicilia, e come uomo vestito dell’armatura di Dio si dedica alla sua missione. Predica il Vangelo e si oppone alla falsità e all’ingiustizia dei potenti. Muore come martire, conseguenza del Vangelo che proponeva e della giustizia che difendeva. Oggi possiamo trovare in lui un modello e un compagno, specie quando ci sentiamo oppressi dai mali di oggi quali la criminalità, la tratta delle persone, l’abuso della nostra casa comune, il problema delle tante persone che cercano un posto sicuro nella società e non lo trovano. Tutti noi possiamo trovare forza e conforto nell’armatura di Dio, nei pensieri santi, nella giustizia, nella fede e nella salvezza offerta a tutti senza eccezioni.

Martire

Il martirio è la misura della profondità del nostro impegno con la verità e la giustizia. E’ la misura del vero impegno a favore di una causa che non è di proprio compiacimento, ma è per il bene del vicino, per la difesa della verità. Il martirio è la misura del nostro amore. Il martire è uno con le convinzioni forti e profonde, colui che accetta le conseguenze dell’impugnare tali convinzioni. Di fronte alla possibilità della morte o della sofferenza, la persona che ama, come ha amato Sant’Angelo, non si tira indietro. In lui troviamo un esempio per i giovani di oggi che cercano uno scopo per la loro vita, un ambiente favorevole alla loro crescita tra persone capaci di dedicare la propria vita per il bene degli altri, persone che non si tirano indietro di fronte alle difficoltà. I martiri oggi sono coloro che vediamo negli ospedali, che assistono e curano i malati del virus, pur sapendo che la loro vita è in pericolo.

Testimone

Il mondo oggi segue più il testimone che il maestro e se segue il maestro è perché è testimone.  La testimonianza lascia vedere la verità della vita e la verità del Vangelo, in modo da svegliare in chi lo vede il desiderio di vivere secondo quella verità della vita e del Vangelo stesso. “Da questo sapranno che siete i miei discepoli”, dice il Signore, vedranno l’amore che avete gli uni per gli altri. 
Per la sua testimonianza il mondo ricorda Angelo di Sicilia. Per la sua testimonianza il popolo ha riconosciuto in lui subito, otto secoli fa, la verità della sua vita e la verità del Vangelo che predicava.

Così la loro memoria e la memoria della Chiesa ci regala la festa che oggi celebriamo.

Prego Iddio che il Giubileo che inizia oggi e il ritorno dei frati al Santuario di Sant’Angelo siano segni dell’amore di Dio per il suo popolo, e che il santuario sotto la guida dei Carmelitani, possa offrire al popolo locale, agli immigranti e ai pellegrini, un luogo di incontro, di ristoro e di illuminazione evangelica. 

La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, guidi i nostri passi. 

Grazie. 
 

Míceál O'Neill, O.Carm.
Priore Generale

Roma, 04 - 05 - 2020

Tagged under
Domenica, 16 Settembre 2018 08:22

Priore Generale

priorgeneral 150Ogni sei anni uno dei frati è eletto per essere il Priore Generale dell’Ordine. Questa elezione avviene durante un incontro interanzionale dell’Ordine chiamato Capitolo Generale. Si tratta di un convegno fraterno che raduna dei frati provenienti dalle diverse zone geografiche dell’Ordine per riflettere insieme come comunità sulla nostra fedeltà al Vangelo e al carisma carmelitano.

Una volta eletto, il Priore Generale ha la responsabilità di guidare e dirigere l’Ordine per il sessennio che segue. È suo compito assicurarsi che lo spirito del Carmelo sia vissuto con autenticità e sostenuto in tutto l’Ordine, specialmente nella vita di preghiera, nella testimonianza e nel servizio dei suoi membri.

Durante l’ultimo Capitolo Generale, il 17 settembre 2019, è stato eletto Priore Generale Padre Míceál O’Neill.

Published in General Curia
Tagged under

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".