Print this page
Venerdì, 14 Gennaio 2022 07:28

Tragico incendio vicino a parrocchia carmelitana negli USA

La domenica 9 gennaio, l'incendio più grave degli ultimi tre decenni nella città di New York (Stati Uniti) ha avuto luogo in un edificio a 154 metri dalla parrocchia dei Carmelitani nel Bronx, New York. Soltanto un appartamento ha preso fuoco. Tuttavia, il fumo si è propagato in tutto l'edificio, specialmente nelle scale. Diciassette residenti dell'edificio di 19 piani sono rimasti uccisi, compresi nove bambini, il più giovane dei quali era un bambino di soli due anni che stava visitando un appartamento con sua zia e suo cugino, entrambi deceduti. Altre 60 persone sono state ricoverate in ospedale, tra le quali decine in condizioni critiche.

La parrocchia St. Simon Stock - St. Joseph sta fornendo assistenza alle persone colpite. Inoltre, si sono tenute diverse celebrazioni religiose. Lunedì mattina si è tenuto un servizio di preghiera ecumenico al quale hanno partecipato i Carmelitani. Una messa speciale si è tenuta a St. Simon lunedì sera ed è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della parrocchia. Il vescovo ausiliario Peter J. Byrne ha celebrato la Messa e Michael Kissane, O. Carm, parroco di St. Simon Stock - St. Joseph, ha predicato. Un altro incontro di preghiera si è tenuto martedì sera. La maggior parte dei residenti erano immigrati di recente dal Gambia e sono di fede musulmana.

Due famiglie della parrocchia che vivono nell'edificio sono sopravvissute. La parrocchia li ha assistiti con dei vestiti. La Catholic Charities si è occupata di aiutare tutte le altre famiglie, indipendentemente dalla loro appartenenza religiosa.

Papa Francesco ha inviato un telegramma all'arcidiocesi di New York. "Nell'offrire le più sentite condoglianze e l'assicurazione della sua vicinanza spirituale a coloro che sono stati colpiti da questa tragedia, egli affida le vittime e le loro famiglie all'amore misericordioso di Dio onnipotente e invoca su tutti consolazione e forza nel Signore", dice il telegramma.

P. Michael ha dichiarato: "Non credo che nessuno dei residenti dell'edificio che sono sopravvissuti abbia bisogno di alcun aiuto finanziario, cibo o vestiti. Sono stati tutti accuditi. Naturalmente ci sarà bisogno di aiuto quando le famiglie si trasferiranno o torneranno nell'edificio. Direi che la maggior parte non sembra intenzionata a tornare".

Related items

Image Gallery