carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

La Regola Carmelitana - Testo

La norma di vita di Sant'Alberto Avogadro, data ai Carmelitani tra il 1206 e il 1214 e approvata definitivamente come vera e propria Regola del Carmelo da Innocenzo IV nel 1247, ha avuto in seguito alcune mitigazioni mai incluse nel testo. La Regola carmelitana afferma che è fondamentale "vivere nell'ossequio di Gesù Cristo e servire fedelmente a Lui con cuore puro e con buona coscienza" (n.2). Per vivere sulle orme di Gesù Cristo i Carmelitani si impegnano più specificamente a:

  • sviluppare la dimensione contemplativa dell'essere umano aprendosi al dialogo con Dio
  • trattarsi come fratelli, con piena carità 
  • meditare giorno e notte la Parola del Signore 
  • pregare insieme o soli più volte al giorno
  • celebrare ogni giorno l'eucaristia
  • lavorare con le proprie mani, come Paolo apostolo
  • purificarsi da ogni traccia di male
  • vivere da poveri, mettendo in comune i pochi beni 
  • amare la Chiesa e tutte le genti
  •  conformare la propria volontà con quella di Dio ricercata nella fede con il dialogo e con il discernimento.

La Regola carmelitana è la più breve fra le Regole note, è composta quasi esclusivamente di precetti biblici. Ancora oggi è ricca di ispirazione per la vita. I numeri del paragrafo della regola di sant'Alberto sono tra parentesi quadre per indicare che non fanno parte della regola originale. Sono stati concordati dai Consigli Generali di entrambi gli Ordini Carmelitani e pubblicati nel 1999.

 

[1] Alberto per grazia di Dio chiamato Patriarca della chiesa Gerosolimitana, ai diletti figli in Cristo B. e agli altri eremiti che sotto la sua obbedienza, dimorano presso la fonte nel monte Carmelo: salute nel Signore e benedizione dello Spirito Santo.

[2] Molte volte ed in vari modi i santi padri stabilirono in che modo ciascuno in qualunque ordine sia o qualunque modo di vita religiosa abbia scelto debba vivere in ossequio di Gesù Cristo e servire lui fedelmente con cuore puro e buona coscienza.

[3] Tuttavia poiché richiedete da noi che secondo il vostro proposito consegnamo a voi una formula di vita che dovrete osservare in futuro:

[4] Questo in primo luogo stabiliamo che abbiate come priore uno di voi che sia eletto a questo ufficio per consenso unanime di tutti o della maggiore e più sana parte, al quale ciascuno degli altri prometta obbedienza e promessa(la) studi di osservar(la) con la verità dell’azione insieme con la castità e la rinuncia della proprietà.

[5] Potrete poi avere abitazioni negli eremi o dove vi saranno donate adatte e convenienti all’osservanza della vostra religione secondo che al priore e ai frati sembrerà convenire.

[6] Inoltre, secondo lo spazio del luogo che avrete proposto di abitare ognuno di voi abbia una cella individuale separata come per disposizione dello stesso priore e con l’assenso degli altri frati o della parte più sana le stesse celle furono a ciascuno assegnate.

[7] In modo tuttavia che nel comune refettorio consumiate le cose che vi saranno distribuite, ascoltando in comune qualche lettura della Sacra Scrittura dove si potrà osservare comodamente.

[8] Né sia lecito ad alcun frate se non con licenza del priore di quel tempo cambiare dimora a lui assegnata o scambiarla con un altro.

[9] La cella del Priore sia presso l’ingresso dell’abitazione perché venga incontro per primo ai venienti alla stessa abitazione, e in seguito ciò che si deve fare tutto proceda secondo l’arbitrio e la disposizione dello stesso.

[10] Rimangano soli nelle proprie celle o presso di esse meditando giorno e notte nella legge del Signore e vigilanti nelle orazioni a meno che non siano occupati in altre giuste occasioni.

[11] Coloro che sanno dire le ore canoniche con i chierici le dicano secondo la costituzione dei santi Padri e la consuetudine approvata dalla chiesa. Coloro che non le sanno dicano venticinque volte il Pater noster nelle veglie notturne eccettuate le domeniche e i giorni solenni nelle cui vigilie il predetto numero stabiliamo di raddoppiare in modo che si dica il Pater noster cinquanta volte. Sette volte poi sia detta la stessa orazione nelle lodi mattutine anche nelle altre ore similmente si dica sette volte per ciascuna la stessa orazione eccetto gli uffici vespertini nei quali dovete dirla quindici volte.

[12] Nessuno dei frati dica qualcosa sua proprietà ma tra voi tutto sia in comune e sia distribuito a ciascuno per mano del priore cioè per mezzo del frate da lui deputato allo stesso ufficio, secondo quanto occorre a ciascuno avuto riguardo all’età e necessità dei singoli.

[13] Asini poi o muli secondo quanto richiederà la vostra necessità vi sarà lecito avere e qualche allevamento di bestiame o di volatili.

[14] L’oratorio secondo che si possa fare più comodamente sia costruito in mezzo alle celle dove al mattino ogni singolo giorno dovete convenire ad ascoltare la celebrazione della Messa quando questo si potrà fare comodamente.

[15] I giorni di domenica anche o in altri dove fosse necessario trattate della custodia dell’ordine e la salute delle anime dove anche gli eccessi e le colpe dei frati se queste in qualcuno fossero colte siano corrette con carità.

[16] Osserverete il digiuno ogni giorno eccettuate le domeniche dalla festa della Esaltazione della Santa Croce fino al giorno della domenica di Risurrezione a meno che l’infermità o debolezza del corpo o altra giusta causa consigli di sciogliere il digiuno perché la necessità non ha legge.

[17] Vi asterrete dal mangiar carne a meno che la prendiate per rimedio alla infermità o debolezza. E poiché voi dovete più frequentemente mendicare viaggiando per non essere onerosi agli ospiti fuori delle vostre case potrete mangiare cibi cotti con carne; ma sul mare sarà lecito mangiare anche carni.

[18] Poiché in verità la vita dell’uomo sulla terra è tentazione e tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo patiscono persecuzione e anche il vostro avversario il diavolo come leone ruggente si aggira cercando chi divorare con ogni sollecitudine studiatevi di indossare l’armatura di Dio per poter resistere contro le insidie del nemico.

[19] Dovete cingere i fianchi col cingolo della castità. Bisogna fortificare il petto con pensieri santi è scritto infatti, il pensiero santo ti preserverà. Si deve indossare la corazza della giustizia per amare il Signore Dio vostro con tutto il cuore e con tutta l’anima e tutta la forza e il prossimo vostro come voi stessi. Si deve impugnare in tutte le cose lo scudo della fede in cui possiate estinguere tutti i dardi infuocati del maligno; senza fede infatti è impossibile piacere a Dio. Inoltre si deve porre sul capo l’elmo della salvezza perché speriate la salvezza dal solo Salvatore che salvò il suo popolo dai propri peccati. La spada poi dello spirito che è la parola di Dio abiti abbondantemente nella bocca e nei vostri cuori; e tutte le cose che dovete fare si facciano nella parola del Signore.

[20] Dovete fare qualche lavoro perché sempre il diavolo vi trovi occupati perché dalla vostra oziosità non riesca a trovare un passaggio di entrata alle vostre anime. Avete in ciò il magistero e parimenti l’esempio del beato Paolo nella cui bocca parlava Cristo che è stato posto e dato da Dio predicatore e dottore delle genti nella fede e nella verità, se lo avrete seguito non potrete sviarvi. Nel lavoro, dice, e nella fatica fummo tra di voi lavorando notte e giorno per non essere di peso ad alcuno di voi; non come se noi non ne avessimo il diritto ma per darvi noi stessi come esempio per imitare noi. Infatti, quando eravamo presso di voi, questo vi annunziavamo: che se qualcuno non vuol lavorare non mangi. Sentivamo infatti che tra voi alcuni vivevano in agitazione senza far niente. A coloro che sono così intimiamo e scongiuriamo nel Signore Gesù Cristo che lavorando in silenzio mangino il proprio pane. Questa via è santa e buona, camminate in essa.

[21] Raccomanda poi l’Apostolo il silenzio quando comanda di lavorare in esso e come il Profeta testimonia, Culto della giustizia è il silenzio; e di nuovo, Nel silenzio e nella speranza sarà la vostra forza. Perciò stabiliamo che detta compieta osserviate il silenzio fino alla recita di prima del giorno seguente. In altro tempo poi, sebbene non si abbia del silenzio una osservanza così grande con diligenza tuttavia ci si guardi dalla loquacità perché come sta scritto e non meno insegna l’esperienza Nel molto parlare non mancherà il peccato E, Chi è sconsiderato nel parlare, sperimenterà i danni. Ancora, chi usa molte parole, lede la sua anima. E il Signore nel Vangelo: Di ogni parola oziosa che gli uomini avranno detto renderanno conto di essa nel giorno del giudizio. Applichi quindi ciascuno una bilancia alle sue parole e freni adeguati alla sua bocca perché per caso non cada con la lingua e incurabile sia la sua caduta mortale Custodendo con il Profeta le sue vie per non cadere con la sua lingua e il silenzio nel quale è il culto della giustizia diligentemente e cautamente si studi di osservare.

[22] Tu, poi, frate B., e chiunque dopo di te sarà istituito priore sempre tenete in mente e osservate nelle opere quello che il Signore dice nel vangelo. Chiunque vorrà tra voi diventare più grande sia vostro servo, e chiunque tra voi vorrà essere il primo sarà vostro schiavo.

[23] Voi anche fratelli tutti, onorate umilmente il vostro priore pensando piuttosto che a lui a Cristo che lo pose sulle vostre teste e ai preposti delle chiese dice, Chi ascolta voi ascolta me e chi disprezza voi, disprezza me perché non veniate in giudizio per disprezzo ma dalla obbedienza meritiate il prezzo della vita eterna.

[24] Queste cose abbiamo scritto brevemente per voi stabilendo la formula della vostra vita secondo la quale dovrete vivere. Se qualcuno poi avrà dato di più il Signore stesso, quando ritornerà, glielo renderà. Si usi tuttavia la discrezione

Related items

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".