carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Giovedì, 11 Febbraio 2021 00:01

Celebrando in Casa - 6 Domenica del Tempo Ordinario

Il viaggio con Gesù continua

Dopo il Vangelo della settimana scorsa, Gesù ha deciso di predicare e guarire nelle altre città della Galilea quando un lebbroso viene da lui e implora la guarigione.

Al tempo dei racconti biblici le persone con qualsiasi tipo di condizione della pelle venivano generalmente considerate affette da lebbra. Ma non si trattava della malattia di Hansen, il nome corretto per la lebbra come la conosciamo oggi.

Chiunque fosse sospettato di essere lebbroso doveva vivere fuori dalla propria città per paura che contagiasse altre persone. Dovevano lasciare casa e famiglia, il lavoro, la comunità e la sinagoga. Dipendevano da altri che gli portavano cibo e acqua.

Questo senso di paura e sospetto nei confronti dei lebbrosi è in netto contrasto con l'accoglienza data da Gesù all'uomo del Vangelo.

Va da Gesù e gli chiede di renderlo puro, di curarlo. Gesù è profondamente commosso e tocca l'uomo (cosa che deve aver richiesto grande compassione) e lo guarisce. Nel guarire l'uomo, Gesù ha fatto molto di più per lui che semplicemente alleviarlo da un disturbo angosciante. Gesù ha letteralmente restituito all'uomo la sua vita. Ora può tornare a casa dalla sua famiglia, riprendere il lavoro e rinnovare la sua pratica religiosa nella sinagoga.

Ai tempi di Gesù molte persone consideravano la malattia, certi disturbi e la disabilità come un segno che le persone erano anche moralmente malate, che avevano peccato, fatto qualcosa di sbagliato. Guarendo i malati, Gesù rimuove anche da loro la macchia del male.

È interessante notare che c'è una sorta di “inversione di ruoli” in questo Vangelo. All'inizio il lebbroso è l’emarginato, colui che deve vivere fuori città. Poiché l'uomo guarito racconta a tutti

l’accaduto, è Gesù ora colui che deve rimanere fuori dalle città e dai villaggi. Tuttavia, tante persone, come il lebbroso, vanno ancora da lui per essere guariti.

Consapevoli del nostro bisogno di guarigione, anche noi possiamo prendere l'iniziativa avvicinandoci a Gesù. Saremo accolti con accoglienza, compassione e amore. Possiamo riprenderci il nostro giusto posto di figli e figlie amati. Anche noi possiamo raccontare la storia di ciò che Dio ha fatto per noi.

...

Siamo consapevoli che Cristo è presente non solo nel Santissimo Sacramento ma anche nelle Scritture e nei nostri cuori. Anche quando siamo soli continuiamo a far parte del Corpo di Cristo.

Nella stanza che avete deciso di utilizzare per questa preghiera potreste prendere con voi una candela accesa, un crocifisso ed una Bibbia. Questi simboli ci aiutano a ricordarci della sacralità dei nostri momenti di preghiera e possono aiutarci a sentirci uniti con le nostre comunità locali.

Il seguente testo è strutturato in modo che ci sia una guida e il resto di coloro che pregano, ma le parti della guida possono essere ripartite tra i presenti.

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".