carmelitecuria logo it

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Venerdì, 02 Luglio 2021 14:15

Pastorale in Kenya durante COVID-19

L'anno 2020 entrerà nei libri di storia di sicuro! Come la maggior parte dei paesi, il Kenya non è stato risparmiato dalla pandemia di Coronavirus. Anche se rispetto a molti altri paesi, soprattutto in Occidente, non sono stati colpiti molto gravemente.

Il Covid-19 è arrivato in Kenya all'inizio di marzo 2020 e lentamente ha iniziato a diffondersi dalla capitale, Nairobi, alle città e ai villaggi. Il paese è entrato in un severo lock down da aprile a luglio 2020. Le imprese, le istituzioni educative e le chiese, tra le altre, furono le più colpite. Alcune istituzioni sono state chiuse.

La delegazione carmelitana in Kenya non è stata risparmiata. Quando sono state annunciate le chiusure, tutti gli studenti in formazione sono stati mandati dalle loro famiglie dove sono rimasti per tutta la durata della stessa. Altre istituzioni religiose e diocesi hanno fatto lo stesso per evitare contagi e la diffusione della malattia.

"Abbiamo ritenuto prudente avere il numero minimo di persone intorno", ha dichiarato P. Bonifacio Kimondolo, O. Carm.

La Delegazione Generale ha sei sacerdoti, tre diaconi, un fratello che ha fatto voti semplici, tre novizi e otto postulanti. Sono divisi in due comunità che si trovano vicine l'una all'altra. Vicino a queste comunità si trova una parrocchia che serve anche una zona remota. Si tratta di una piccola chiesa che si trova a due chilometri dal centro della parrocchia e serve una popolazione di circa cinquanta famiglie.

"Non è stato facile vivere questi momenti. Eravamo senza la nostra gente. Potevamo solo pregare e fare alcune attività nella comunità", ha commentato P. Bonifacio.

Una parrocchia in Kenya è vista come un centro di carità. La Covid-19 ha portato molte difficoltà a molte famiglie. "La gente veniva da noi a chiedere aiuto finanziario e cibo. Potevamo solo condividere il poco che avevamo. Occasionalmente, abbiamo ricevuto donazioni da alcune persone generose. Questo ha aiutato molto coloro che erano più colpiti", ha rivelato il sacerdote.

P. Bonifacio ha ricordato come "la gente era sempre alla nostra porta. I bisogni erano grandi. Molte persone hanno perso il lavoro. Le famiglie erano costrette a vivere insieme per lunghi periodi di tempo. Questa situazione provocò molti litigi tra figli e genitori e anche tra le coppie stesse. La chiesa divenne un centro di consulenza quotidiana. Nonostante le numerose difficoltà, i carmelitani fecero del loro meglio. Ancora oggi svolgiamo il nostro ministero quasi allo stesso modo, con persone che vengono alla nostra porta a chiedere aiuto", ha sottolineato.

Dopo le chiusure che sono state difficili, il governo ha iniziato lentamente ad aprire alcune contee e città. I studenti sono tornati nel luglio 2020 per la festa di Nostra Signora del Monte Carmelo. Da allora, la nostra vita ha iniziato a tornare un po' alla normalità nelle nostre comunità. Le chiese sono state parzialmente aperte e abbiamo iniziato a riavere il nostro popolo cristiano. Gli studenti sono "tornati" a scuola attraverso la didattica a distanza.

In Kenya, così come in molte parti dell'Africa, un gran numero di persone frequentano la chiesa la domenica. La chiesa a Nkoroi ha una capienza massima di mille persone. Si celebrano tre messe ogni domenica in tempi normali. Quando le chiese hanno riaperto dopo la chiusura, hanno dovuto seguire i protocolli del ministero della sanità. Di conseguenza, i posti a sedere in chiesa sono stati limitati ad una capienza massima di trecento persone.

"Abbiamo dovuto creare spazio nella sala della chiesa. Ma non potevamo ancora ospitare tutti i fedeli. Abbiamo avuto l'idea di organizzare una messa stile drive-in. Questo potrebbe ospitare tutti i parrocchiani in auto in totale sicurezza", ha confidato P. Bonifacio.

L'idea ha funzionato bene e attualmente ci sono diverse celebrazioni, compresa la messa in auto. La gente arriva in macchina in un terreno predisposto. Parcheggiano e ascoltano la Messa dall'interno dei loro veicoli attraverso gli altoparlanti. Lasciano la macchina solo per ricevere la Santa Comunione. Dopo averla ricevuto, tornano nelle loro auto. Quando la messa è finita, se ne vanno e altri prendono posto per la messa successiva. Ora ci sono due messe in auto ogni domenica.

"La vita sembra tornare lentamente alla normalità. Speriamo che tutto vada bene presto!", ha augurato P. Bonifacio.

Avviso sul trattamento dei dati digitali (Cookies)

Questo sito web utilizza i cookies per eseguire alcune funzioni richieste e per analizzare la fruizione del nostro sito web. Raccoglieremo le tue informazioni solamente se completi i nostri moduli di iscrizione o di richiesta di preghiera, in modo da poter rispondere alla tua e-mail o inserire le tue intenzioni / richieste nella preghiera. Non utilizziamo i cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci. Nessuna informazione, acquisita tramite i nostri moduli di contatto via posta elettronica, verrà condivisa con terze persone. "Le tue informazioni" restano "le tue informazioni personali".